10 dicembre 2019
Aggiornato 06:00
Eni alla ribalta

Eni alla riscossa, l'unità Jangkrik salpa per l'Indonesia e Descalzi firma il Memorandum con Gazprom

Nell'offshore dell`Indonesia sta per arrivare l'Unità Galleggiante di Produzione Jangkrik, che sarà strategica per la scoperta di nuovi giacimenti in loco. Nel frattempo Eni ha firmato il Memorandum of Understanding con Gazprom

ROMA - Eni ha annunciato che si è svolta oggi la cerimonia di battesimo dell'Unità Galleggiante di Produzione (Fpu) Jangkrik, che opererà nel cosiddetto Jangkrik complex, nel blocco Muara Bakau ubicato nel bacino del Kutei, nelle acque dello stretto di Makassar in Indonesia.

Arriva l'Unità Galleggiante di Produzione Jangkrik
«La cerimonia, che si è tenuta nei cantieri navali di Saipem dell'isola di Karimun, è stata presieduta dal Ministro dell'Energia e Risorse Minerarie della Repubblica dell'Indonesia, Ignasius Jonan», si legge in una nota. L'Unità di Produzione Galleggiante navigherà ora verso la destinazione finale e una volta in posizione inizierà le operazioni di ormeggio e allacciamento. Il progetto traguarda il First Gas a tre anni e mezzo dal sanzionamento.

Verso la scoperta di nuovi giacimenti
La FPU sarà ubicata in una posizione strategica che permetterà anche il rapido sviluppo di scoperte limitrofe in una regione ricca di risorse di gas. Avrà una capacità di trattamento di 450 milioni di piedi cubi standard di gas al giorno (mmscf/d) e l’unità sarà collegata a 10 pozzi di produzione sottomarini in acque profonde.

FPU contribuirà allo sviluppo dell'Indonesia
Il gas, dopo essere stato trattato a bordo raggiungerà l’impianto di liquefazione di Bontang, attraverso un nuovo gasdotto di 79 km allacciato all’impianto di ricezione gas a terra. I volumi di gas di Jangkrik serviranno il mercato interno locale, il mercato del GNL indonesiano e il mercato GNL di esportazione, contribuendo significativamente al fabbisogno energetico e allo sviluppo economico del Paese. Ma la riscossa di Eni non finisce qui.

Il Memorandum firmato con Gazprom
L'amministratore delegato di Gazprom, Alexey Miller, e l'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, hanno appena firmato un Memorandum of Understanding in cui le due società esprimono il proprio interesse ad analizzare le prospettive di cooperazione nell'ambito dello sviluppo del corridoio sud di importazione di gas russo verso l'Europa, Italia inclusa, e ad aggiornare gli accordi relativi alle forniture di gas Russia-Italia. Il Memorandum, informa una nota, include anche l'analisi di opzioni relative a partnership nel settore del Gnl (gas naturale liquefatto).