18 giugno 2019
Aggiornato 07:00
Ddl povertà

Boeri sulla povertà in aumento: «E' una vera e propria emergenza. Bisogna agire in fretta»

In Italia la povertà continua ad aumentare: in 10anni sono raddoppiate le famiglie in condizioni di povertà assoluta. Colpiti soprattutto gli under65 e in particolare i giovani: la crisi ha un marcato profilo generazionale

ROMA  - Il «perdurare di una vera e propria emergenza povertà» non può che vedere con «favore» le misure contenute nella delega. Così il presidente dell'Inps, Tito Boeri, in audizione davanti alla commissione Lavoro di Palazzo Madama, sui ddl di contrasto alla povertà e riordino delle prestazioni sociali.

Leggi anche "Giovani sempre più poveri. Ecco perché gli under 35 sono ko"

La povertà in Italia continua ad aumentare
Boeri ricorda che la legge delega «vuole operare una razionalizzazione dei tanti parziali strumenti assistenziali esistenti con l'idea di costruire nuove misure basate sull'universalismo selettivo». E' «importante» che questa operazione «venga portata a termine nel più breve tempo possibile. E' indubbio che occorre agire in fretta». La crescita della povertà, ha detto Boeri, è un «fenomeno tutt'altro che inevitabile». Ma la povertà in Italia non tende affatto a diminuire, ha detto Boeri.

Leggi anche "Crisi e povertà: dal 2 settembre le famiglie possono fare richiesta per il Sia. Tutto quello che c'è da sapere"

La crisi ha un marcato profilo generazionale
Al contrario, gli ultimi dati Istat disponibili segnalano un incremento della povertà, dal 2014 al 2015. In dieci anni, dal 2005 al 2015 la quota di famiglie in povertà assoluta, misurata guardando ai consumi delle famiglie, è raddoppiata, ha ricordato il numero uno dell'Inps. E, ha sottolineato, l'incremento si è «registrato esclusivamente in famiglie il cui capofamiglia ha meno di 65 anni». I dati sulla povertà, misurata in termini di redditi delle famiglie, «sono altrettanto preoccupanti anche se si fermano al 2014».

Boeri: Troppe poche domande accolte per la Sia
E i dati Eusilc 2014 segnalano in particolare come il tasso di povertà, ottenuto contando le famiglie che si trovano al di sotto di una soglia di povertà fissa dal 2007, è passato dal 18,7% al 24,5% durante la crisi e non accenna a diminuire. «Anche questi dati sulla povertà basati sui redditi - ha proseguito Boeri - hanno un marcato profilo generazionale: la povertà aumenta solo al di sotto dell'età pensionabile». L'estensione a tutto il territorio nazionale della sperimentazione della nuova carta acquisti (Sia) sembra fin qui aver lasciato fuori molte persone in stato di bisogno. «Sono state presentate 208.350 domande nel corso del 2016» e «di queste solo 58.865 sono state accolte", quindi il «tasso di accoglimento, al netto delle domande sospese, è solo del 29%», ha concluso Boeri.