28 settembre 2022
Aggiornato 20:30
Record del debito pubblico

Bankitalia, nuovo record del debito pubblico italiano: 2.252,2 miliardi di euro

Nei primi sette mesi del 2016 il debito pubblico italiano è aumentato di 80,5 miliardi raggiungendo quota 2.252,2 miliardi. Si tratta di un nuovo record storico che potrebbe avere pesanti conseguenze sull'economia del Belpaese

ROMA – Nuovo record storico del debito pubblico italiano. A comunicarlo è la Banca d'Italia attraverso il bollettino statistico «Finanza pubblica, fabbisogno e debito». E questa volta il balzo in avanti è pari a 80 miliardi di euro.

Nuovo record per il debito pubblico
E' il nuovo record storico del debito pubblico italiano. Secondo i dati appena diffusi dalla Banca d'Italia, nel mese di luglio siamo arrivati a quota 2.252,2 miliardi, in aumento di 3,4 miliardi rispetto al mese precedente. Ma non è questa la notizia peggiore. Nei primi sei mesi dell'anno, infatti, il debito pubblico è salito di 80,5 miliardi di euro.

Un salto da 80,5 miliardi di euro in sei mesi
Nel primo semestre del 2016 il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 3,5 miliardi, mentre quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 0,2 miliardi. Quello del debito pubblico italiano nell'ultimo semestre è un balzo in avanti da capogiro, perché solo un anno fa era pari a 2.200,553 miliardi di euro. Si tratta di un record negativo che avrà pesanti conseguenze sull'economia nazionale.

Il circolo vizioso dei tassi d'interesse
Come avevamo già avuto modo di sottolineare in passato, infatti, il vero problema del debito pubblico sono gli interessi che lo Stato deve pagare su di esso e che danno origine a circolo vizioso capace di ostacolare la crescita e lo sviluppo economico. Nonostante le ultime dichiarazioni del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, che aveva detto di aver convinto il premier, Matteo Renzi, a ridurre il fardello del debito pubblico, i dati di Bankitalia dimostrano che la strada intrapresa dal governo va in tutt'altra direzione.