30 luglio 2021
Aggiornato 03:30
L'Italia al vertice dei paesi europei con l'Iva più elevata

L. Stabilità, Codacons: «Con la manovra del governo una maxi stangata da 791 euro a famiglia»

Se verranno messe in atto le clausole di salvaguardia, con gli aumenti dell'Iva, si tradurranno in un maxi esborso da parte delle famiglie

ROMA (askanews) - Se attuati, gli aumenti dell'Iva previsti dalle clausole di salvaguardia alla Legge di Stabilità massacreranno le famiglie e i consumi, determinando nel 2018, solo per costi diretti, una maxi-stangata complessiva pari a 791 euro a famiglia (250 euro solo nel 2016). Lo afferma il Codacons, commentando la manovra 2016 del Governo.

Codacons: Un incubo per le famiglie
«L'aumento delle aliquote dal 10 al 13% e dal 22 al 25,5%, spalmato tra il 2016 e il 2018, si tradurrebbe in un maxi-esborso per le famiglie italiane, con danni enormi per l'economia nazionale - afferma il presidente Carlo Rienzi -. Alla stangata per gli effetti diretti da 791 euro a famiglia, occorre aggiungere gli effetti indiretti derivanti dalla maggiore Iva, con rincari a cascata in tutti i settori. Ciò determinerebbe inoltre una ulteriore riduzione dei consumi, già in picchiata negli ultimi anni, stimabile in un -2% solo per effetto delle nuove aliquote. Non solo - conclude -. Se le clausole di salvaguardia dovessero trovare applicazione, l'Italia salirebbe al vertice dei paesi europei con l'Iva più elevata, superando Svezia e Danimarca, dove l'aliquota è del 25%, e piazzandosi dietro solo all'Ungheria (27%). Ciò comporterebbe un inevitabile danno per il paese sul fronte della competitività e degli investimenti».