5 giugno 2020
Aggiornato 15:00
Calcio spagnolo

Alonso socio onorario del Real Madrid

Il pilota spagnolo insignito dal club del presidente Perez come uno dei più grandi atleti spagnoli di tutti i tempi: «Che onore essere qui in questo stadio», ha detto Fernando. Dembelè: «Voglio vincere tutto con il Barcellona».

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/09/20170904_video_17595070.mp4

MADRID - Dalla monoposto alla regina delle squadre di calcio. Fernando Alonso è diventato socio onorario del Real Madrid. Il pilota della McLaren è stato nominato ambasciatore dei Blancos con una cerimonia nel box del Santiago Bernabeu: «Oggi vogliamo rendere omaggio a uno dei più grandi sportivi spagnoli della storia oltre che nostro tifoso - ha detto il presidente del Real Madrid, Florentino Perez - Fernando è riuscito a realizzare quello che nessun pilota spagnolo era stato in grado di raggiungere, diventando campione del mondo di Formula 1. Sei un ambasciatore speciale del nostro club. Tu rappresenti al meglio i nostri valori» ha concluso Perez,

ALONSO: CHE ONORE - «Non mi perdo nulla di quello che succede al Real Madrid - ha replicato Alonso - non mi perdo i momenti difficili e neanche i grandi festeggiamenti. Mio padre, che era giocava come portiere, mi ha insegnato i valori del club e fin dalla mia infanzia ho apprezzato enormemente questi colori».

BARCELLONA, PARLA DEMBELÈ - «Voglio vincere tutto: la Liga e la Champions League». Lo ha detto, dalle colonne del «Mundo Deportivo», il neo acquisto del Barcellona Ousmane Dembelè. «Mi piace molto fare gli assist ma voglio diventare un giocatore migliore sotto tutti gli aspetti. Per questo credo che lavorero' molto anche sul fare i gol. Il pallone d'oro non è il mio sogno e nemmeno il mio obiettivo al momento. Sono venuto a giocare al fianco dei migliori del mondo, qui a Barcellona, per vincere più titoli possibili», ha aggiunto il ventenne francese. «Uno dei momenti migliori della storia del club che mi viene in mente è il 4-1 all'Arsenal in Champions League, con quattro gol da Messi. Avevo 13 anni. Poi ricordo bene il gol di Iniesta allo scadere contro il Chelsea, che valse l'accesso alla finale. Per anni ho avuto un poster in camera mia di Iniesta. E' un sogno giocare ora con questi due campioni», ha concluso Ousmane Dembelèe'.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal