22 maggio 2022
Aggiornato 16:30
Formula 1

GP Australia, Leclerc e Ferrari da impazzire! Trionfo su Perez e Russell, Verstappen ritirato

A Melbourne dominio del Cavallino col monegasco che tiene la testa per tutta la gara e vince davanti al messicano. Problemi di perdita di carburante per il campione del mondo olandese che si ritira. Fuori anche Sainz

Charles Leclerc sul podio dopo il trionfo in Australia
Charles Leclerc sul podio dopo il trionfo in Australia Foto: Ferrari

MELBOURNE - Charles Leclerc trionfa nel Gp di Australia sul circuito di Melbourne. Una cavalcata fantastica, un ritmo inavvicinabile fin dal primo giro con 7-8 decimi di vantaggio sulla Red Bull di Verstappen (poi ritirato) sin dal primo giro. Dopo Sakhir, un super Charles che allunga nel Mondiale grazie al ritiro di Verstappen (Leclerc 71, Russell 37, Sainz 33, Perez 30, Hamilton 28, Verstappen 25). Male Sainz, costretto al ritiro dopo una partenza difficile: la sua gara finisce nella ghiaia dopo appena tre giri. Perez e Russell completano il podio. Poi Hamilton, Norris, Ricciardo, Albon.

Leclerc parte benissimo ed è al comando, poi Verstappen e Hamilton che guadagna due posizioni. Il pilota monegasco è perfetto e riesce a tenere a bada il campione del mondo. Lewis invece ha un guizzo e infila Perez e Norris, passato pure da Russell. Il rpimo colpo di scena dopo tre giri: fuori Carlos Sainz. Un weekend completamente da dimenticare per lo spagnolo, che ha scelto di partire con le gomme dure e ha pagato questa scelta. Difficoltà in partenza, ha perso posizioni e cercando di recuperare è andato lungo ed è finito nella ghiaia.

Dopo la Safety Car la Red Bull ha un'altra marcia, Perez sfrutta il dimezzamento del gap lo insegue e con una splendida manovra lo infila. Il messicano è terzo, Hamilton è quarto. L'olandese commette un errore e perde tre secondi in un solo giro da Leclerc, che adesso ha oltre 4 secondi di vantaggio sul campione del mondo. Martella il monegasco che vuole continuare ad aumentare il proprio vantaggio ma si ferma l'Aston Martin di Vettel e Leclerc perde tutto il suo vantaggio. Ma il monegasco continua a martellare e guadagna 6» a 21 giri dalla fine su Verstappen che al giro 43 si ritira (per la seconda volta in questo mondiale) per problemi al motore. Furioso l'olandese che sbatte le mani sul volante. Leclerc trionfa. Il mondiale di F1 torna il 24 aprile a Imola.

Leclerc: «Vinto con grande tranquillità»

Charles Leclerc mostra tutta la sua felicità dopo una gara, secondo trionfo in stagione, quarto in carriera, vinta con una straordinaria facilità: «In Formula 1 è la prima volta che vinco controllando il vantaggio, che macchina che abbiamo - ha detto alla fine - Ho fatto un bel lavoro ma senza una macchina come questa sarebbe stato impossibile. Sono felicissimo. Dopo la Safety è stata difficile, ho avuto un enorme sottosterzo e ho pensato che non avrei mantenuto la prima posizione. Ma ce l'ho fatta. Incredibile vincere qui». Per il momento Leclerc non pensa al titolo Mondiale, anche se sotto sotto non è così: «Siamo solo alla terza gara e non sto pensando al campionato. Ma abbiamo una vettura fortissima e possiamo vincere in ogni gara. Sorrido se penso alle ultime due annate».

Verstappen: «Non stiamo concludendo le gare»

Un'altra gara sfortunata per Max Verstappen che dopo il ritiro del Bahrain è costretto a un altro zero in classifica. Contro una Ferrari e un Charles Leclerc così costanti e veloci, i 46 punti in classifica in 3 gare iniziano essere tanti. Stavolta dovrebbe essere stato un problema di perdita di carburante, hanno detto dalla Red Bull. «Sul problema tecnico non so - ha detto il campione del mondo - di sicuro non sono riuscito a lottare con Leclerc, le gomme si sono consumate in fretta. Però difendevo il secondo posto perché non avevo pressione da dietro e non sarebbe stato male perché fare punti è meglio che niente. Però non stiamo concludendo le gare». Preoccupa l’affidabilità: «Purtroppo è qualcosa che sta già segnando il nostro campionato - ha detto - abbiamo già un bel ritardo in classifica e ora sarà difficile andare a rimontare».