27 settembre 2020
Aggiornato 11:00
Motociclismo

GP Repubblica Ceca, vince il sudafricano Binder. 2° Morbidelli, 5° Rossi

Il sudafricano e la Casa austriaca conquistano i loro primi successi in top class. Bravissimo il pilota della Yamaha Petronas, 3° il poleman Zarco. Vale risale, male Dovizioso (11°) e Vinales (14°)

Brad Binder vincitore del GP della Repubblica Ceca
Brad Binder vincitore del GP della Repubblica Ceca ANSA

Parla sudafricano il Gran Premio della Repubblica Ceca di MotoGp. Sulla pista di Brno, nel terzo appuntamento del mondiale, trionfa uno strepitoso Brad Binder che dal tredicesimo giro fa il vuoto alle proprie spalle conquistando, in sella alla KTM, il primo successo in carriera in MotoGp. Binder precede di oltre cinque secondi Franco Morbidelli (primo podio assoluto in top-class) e Johann Zarco con la Ducati. Rimonta super e quinto posto finale per Valentino Rossi, male Fabio Quartararo che chiude la gara al settimo posto alle spalle di Oliveira.

Binder: «Un giorno che sognavo da bambino»

«Non ho parole dopo questa vittoria, è un giorno che sognavo da quando ero bambino, vorrei che ci fossero qui i miei genitori che mi hanno sempre sostenuto, ringrazio il mio team che mi ha consegnato una moto perfetta, ha fatto un lavoro perfetto, spero che sia la prima di tante vittorie». Così Brad Binder, il sudafricano della Ktm alla prima vittoria in motomondiale. Mai prima di oggi nella classe regina si era registrato un successo della Ktm. Al tempo stesso, il Sudafrica non aveva mai primeggiato nella top class.

Morbidelli: «Sensazione bellissima»

Franco Morbidelli dopo la conquista del secondo posto, suo primo podio in MotoGP, sul circuito di Brno per il Gp della Rep. Ceca, è al settimo cielo: «E' una sensazione bellissima, mi godo il momento - racconta - E' stata una bella gara, sono partito bene, ho fatto quello che avevo previsto, ovvero prendere un buon ritmo senza stressare le gomme. Ho visto che Binder si avvicinava, ma ho preferito non esagerare, non fare sciocchezze, ho cercato di arrivare a fine gara per conquistare il mio primo podio».

«Adesso andiamo in Austria con grande gioia e grande forza. La gara è stata particolare, bisognava essere gentili sulle gomme e ci ho provato dall'inizio alla fine. Vedevo che stavo andando via, ero molto felice, poi a metà gara ho visto il ritorno forte di Brad e non potevo fare niente» ha concluso il pilota del team Petronas».

Rossi: «Potevo lottare per il podio»

«Peccato per la qualifica, ho fatto l'errore di andare con la media perché sarei potuto partire da una fila avanti e lottare per il podio». Così Valentino Rossi al termine del GP della Repubblica Ceca che lo ha visto chiudere in quinta posizione. Per il «Dottore» c'è la delusione di essere partito da dietro, ma la soddisfazione per una rimonta importante: «E' stato un weekend positivo, la gara è stata bella e mi sono divertito».

«Abbiamo cambiato setting alla fine del 2018 per cercare di salvare la gomma nel finale di gara, Maverick e Fabio si sono trovati meglio di me e io ho dovuto cambiare. Abbiamo fatto dei passi avanti in frenata, stacco forte e più profondo e questo è grazie al setting cambiato» ha spiegato Rossi.

Sul successo di Binder ha poi aggiunto: «E' una bestia, anche in Moto2 e Moto3 ha fatto gare importanti. La KTm oggi avrebbe fatto doppietta se Pol Espargaro non si fosse toccato con Zarco. Binder ed Espargaro sono i favoriti in Austria».

Infine anche una menzione speciale ai piloti italiani del futuro, Franco Morbidelli e Pecco Bagnaia: «Morbidelli è andato forte, ha fatto un grande gara e penso sarà molto competitivo da qui alla fine della stagione. Bagnaia? Stava andando forte, noi della riders academy li stiamo facendo diventare grandi e loro aiutano me perché gli allenamenti sono meno noiosi».

Marc Marquez
Marc Marquez (ANSA)

Marquez salta i prossimi due Gp in Austria

Più lunga del previsto la riabilitazione per Marc Marquez out dal circuito per la rottura dell'omero in seguito alla caduta a Jerez. Il pilota spagnolo della Honda secondo Mundo Deportivo salterà non solo il Gp d'Austria in programma il 16 agosto, ma anche il successivo appuntamento del motomondiale in programma a Spielberg dove il 23 agosto si corre il Gp di Stiria. Lo spagnolo della Honda dopo l'infortunio alla spalla del Gp di Spagna (19 luglio) ha provato a forzare i tempi presentandosi alle libere del Gp di Andalusia quattro giorni dopo l'intervento salvo poi rinunciare. Successivamente Marquez ha subito un secondo intervento.