15 agosto 2020
Aggiornato 00:30
Calcio

Pelé (non cita Maradona): «Ronaldo meglio di Messi, ma io il migliore di tutti»

Il campione brasiliano: «Non possiamo dimenticare Zico, Ronaldinho e Ronaldo ma bisogna dire la verità: mio papà e mia mamma hanno chiuso la fabbrica, di Pelé non ce ne saranno più»

Lionel Messi e Cristiano Ronaldo con la maglia del Real Madrid
Lionel Messi e Cristiano Ronaldo con la maglia del Real Madrid ANSA

MILANO - Tra Cristiano Ronaldo e Messi «c'è molto equilibrio ma mi sembra che oggi Cristiano Ronaldo sia il più stabile, continuo, e da almeno 10 anni è su quel livelli. Non è tanto talentuoso quanto Neymar sul piano tecnico, ma è più abile in tutte le altre qualità che fanno un grande giocatore». Lo ha detto 'O Rey' Pelè ai microfoni di «Pilhado».

«Penso che il portoghese sia il migliore perché è più coerente, ma non si può dimenticare Messi, ovviamente. Però il numero 10 del Barcellona non è un attaccante. Cristiano più forte di me? Bisogna dire la verità: mio papà e mia mamma hanno chiuso la fabbrica, di Pelé non ce ne saranno più». E stilando un elenco dei più grandi campioni di sempre, Pelé conclude. «Non possiamo dimenticare Zico, Ronaldinho e Ronaldo. E in Europa, Franz Beckenbauer e Johan Cruyff. Ora, non è colpa mia, ma penso che Pelé sia stato migliore di tutti loro». Pelé ha omesso di pronunciare il nome di Diego Armando Maradona.

Champions ed Europa League, finali rinviate per coronavirus

La Uefa ha ufficialmente rinviato le finali di Champions ed Europa League, inizialmente previste per maggio, a causa dell'emergenza coronavirus. Ad annunciarlo, lo stesso organo del calcio continentale, con un comunicato ufficiale in cui si legge che «A seguito della crisi COVID-19 in Europa, la UEFA ha formalmente preso la decisione di posticipare le seguenti partite, originariamente previste per maggio 2020: Finale UEFA Champions League femminile (inizialmente prevista per il 24 maggio a Vienna); Finale UEFA Europa League (inizialmente prevista per il 27 maggio a Danzica); Finale UEFA Champions League (inizialmente prevista per il 30 maggio a Istanbul)».

«Nessuna decisione è stata ancora presa per quanto riguarda le nuove date. Il gruppo di lavoro, istituito la scorsa settimana a seguito della teleconferenza tra le parti interessate del calcio europeo, presieduto dal presidente UEFA, Aleksander Ceferin, analizzerà le opzioni disponibili. Il gruppo ha già iniziato l'esame del calendario. Gli annunci saranno fatti a tempo debito», conclude l'Uefa nel comunicato.