16 dicembre 2018
Aggiornato 12:00

Milan: sul ritorno di Pato qualcuno ha già deciso

Non solo Ibrahimovic: a gennaio le voci su un possibile nuovo arrivo del brasiliano si susseguono, nonostante trattative vere e proprie non siano state ancora imbastite

Alexandre Pato: indiscrezioni parlano di un suo ritorno al Milan dopo oltre 5 anni
Alexandre Pato: indiscrezioni parlano di un suo ritorno al Milan dopo oltre 5 anni (ANSA)

MILANO - Al Milan a gennaio arriverà certamente una nuova punta, soprattutto perché col passaggio ormai certo al modulo con due attaccanti voluto da Gennaro Gattuso, i soli Higuain e Cutrone non possono bastare a reggere l’intera prima linea rossonera. Il tecnico milanista chiede un calciatore già pronto, possibilmente di carisma ed esperienza internazionale e che conosca il calcio italiano per non avere problemi di ambientamento o limiti legati alla lingua. Il profilo che ormai da settimane circola in quel di Milanello con maggior insistenza è ovviamente quello di Zlatan Ibrahimovic, indimenticato fuoriclasse svedese che ha già vestito la maglia del Milan dal 2010 al 2012 e che potrebbe decidere a 37 anni di riaprire quella parentesi milanista chiusa non per sua volontà nel luglio di 6 anni fa. Un nome gradito a Gattuso e alla piazza, un campione che alzerebbe notevolmente il livello di competitività del Milan, tanto in Italia quanto in Europa, un calciatore ancora integro fisicamente nonostante l’infortunio al ginocchio di due anni or sono e nonostante l’età avanzata.

ALTRO FIGLIO PRODIGO - Ma il nome di Zlatan Ibrahimovic non è l’unico accostato al Milan e quello dell’attaccante scandinavo non è l’unico possibile ritorno in rossonero di un grande ex. Anche Alexandre Pato è finito dei radar di Leonardo, forse più per autocandidatura della punta brasiliana che ora gioca in Cina, che per un reale interesse del club milanista. Pato, classe 1989, al Milan dal 2008 al 2012, è reduce da diversi fallimenti in Europa (ultimi due anni a Milano compresi) e da una buona ripresa nel campionato cinese, una lega però qualitativamente di bassa caratura che non può rilasciare un giudizio rilevante nei confronti di un calciatore troppo discontinuo e troppo spesso alle prese con problemi di natura fisica che ne hanno frenato un’ascesa che inizialmente sembrava inarrestabile.

RISCHI - Anche i tifosi milanisti, al di là di qualche inguaribile nostalgico, non hanno dubbi circa il possibile ritorno di Pato in rossonero: social network invasi da messaggi di timore che Gattuso a gennaio possa ritrovarsi in organico un attaccante circondato più da punti interrogativi che da certezze. L’integrità fisica, i costi elevati e la volontà di calarsi nuovamente in una realtà complessa come l’Italia sono le maggiori perplessità del popolo rossonero, innamorato del Pato che fu ma ormai consapevoli di essere di fronte a tutt’altro calciatore. In attesa delle decisioni societarie, insomma, molti appassionati hanno già bocciato un’ipotesi tanto romantica quanto rischiosa.