16 dicembre 2018
Aggiornato 09:00

Milan-Genoa: Gattuso sceglie Bakayoko

In vista del recupero della prima giornata contro i liguri, il tecnico calabrese varia qualcosa rispetto alla vittoria di domenica con la Sampdoria

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan
Gennaro Gattuso, allenatore del Milan (ANSA)

MILANO - L'esame di genovese per il Milan si completa stasera con il recupero della prima giornata di campionato contro il Genoa, tre giorni dopo il 3-2 dei rossoneri con la Sampdoria che ha rilanciato le ambizioni milaniste, finite in ribasso dopo il ko nel derby contro l'Inter e quello di coppa con il Betis. Non sarà facile per gli uomini di Gennaro Gattuso avere la meglio dei rossoblu di Juric, reduci dal prestigioso pareggio di Torino con la capolista Juventus (il Genoa è ad oggi l'unica formazione fra serie A e Coppa dei Campioni ad aver sottratto punti ai bianconeri) e dal 2-2 casalingo contro l'Udinese.

Il Milan non può sbagliare
Un Genoa con carattere, ottima organizzazione tattica ed un centravanti, il polacco Piatek, che resta il capocannoniere del campionato con 8 reti all'attivo nelle 9 partite disputate dalla compagine ligure. Ma il Milan non può più sbagliare, qualche punto è stato già perso in stagione e se l'obiettivo dei rossoneri è il quarto posto (concetto ribadito qualche giorno fa da Paolo Maldini e nella giornata di martedì da Leonardo) il recupero della prima giornata deve terminare coi tre punti a favore dell'undici milanista.

Formazione
E, a proposito di undici, Gattuso deve fare anche i conti con le assenze: detto già di Caldara, fuori per i prossimi tre mesi, contro il Genoa non ci saranno neanche Calabria (in dubbio pure per la trasferta di Udine in programma domenica prossima), Calhanoglu e Kessie, entrambi acciaccati anche prima della sfida con la Sampdoria ed ai quali verrà concesso un turno di riposo, oltre a Bonaventura già ko nell'ultima partita. L'allenatore rossonero confermerà nella gara di San Siro con la squadra genoana (inizio ore 20:30) il 4-4-2 già visto domenica: in porta Donnarumma, in difesa Abate sulla corsia di destra, Rodriguez a sinistra, Musacchio e Romagnoli al centro; novità a centrocampo dove ai lati agiranno Suso e Castillejo (preferito a Laxalt) e in mezzo accanto a Biglia, Bakayoko è favorito su Bertolacci nonostante le fin qui pessime prestazioni dell'ex Monaco, già subissato di fischi dal pubblico di San Siro. Infine l'attacco, dove la coppia gol Higuain-Cutrone è pronta a sfornare tutte le sue qualità candidandosi per duo titolare e inamovibile da qui al termine della stagione.