20 agosto 2018
Aggiornato 12:30

Real Madrid e Barcellona spengono l’euforia dell’Inter

In una sola giornata arrivano due brutte notizie per l’Inter, entrambe dalla Spagna: una da Barcellona, l’altra da Madrid.
Il capitano della Croazia Luka Modric
Il capitano della Croazia Luka Modric (ANSA)

MILANO - È durata poco l’euforia all’Inter. Il duplice super colpo di mercato sognato, accarezzato, quasi sfiorato, sembra destinato ad evaporare al tramonto di un torrido pomeriggio di inizio agosto. Dalle due capitali del calcio spagnolo, prima Barcellona, poi Madrid, sono arrivate nelle sede dell’Inter due missive tutt’altro che rasserenanti per il futuro della squadra di Spalletti. Prima la notizia che Arturo Vidal, considerato a un passo dall’Inter fino a poco prima che all’orizzonte nerazzurro apparisse la suggestione Modric, si è ormai accasato al Barcellona. Secondo il quotidiano della città calatana Sport, ci sarebbe addirittura già un accordo verbale tra lo stesso Vidal e il club del presidente Bartomeu. Il Bayern, che già era entrato nell’ordine di idee di cedere il cileno, non sembra turbato dal cambio di destinazione e adesso si attendono solo le firme. Dopodichè l’ex juventino sarà a tutti gli effetti un calciatori blaugrana.

Niente Modric
Ma per l’Inter le brutte notizie di giornata non sembrano finire qui. Allertato dalla clamorosa ondata mediatica susseguente alle prime indiscrezioni che parlavano di un interessamento dell’Inter per il fuoriclasse croato Modric, è arrivata la ferma presa di posizione di Florentino Perez. Attraverso il quotidiano madrileno Marca, da sempre vicino alle questioni dei Blancos, il presidente del Real Madrid ha stroncato sul nascere le velleità nerazzurre: «L'unica possibilità che Modric lasci il Real Madrid è che qualcuno paghi 750 milioni di euro».
Come dire, una volta la Casa Blanca può accettare di ridurre le proprie pretese e venire incontro ad un proprio calciatore che chiede la cessione (vedi il caso CR7 alla Juve). Due casi del genere nella stessa sessione di mercato sono del tutto intollerabili.