19 settembre 2019
Aggiornato 15:00

L’Atalanta testa un possibile colpo del nuovo Milan

Tre indizi fanno una prova, diceva Agatha Christie, e in questa vicenda gli elementi ci sono tutti: il nuovo sponsor del Milan, la passione di Mirabelli per il calcio tedesco e la voglia di cambiare di Reus.

Marco Reus circondato da giocatori atalantini
Marco Reus circondato da giocatori atalantini ANSA

MILANO - Diceva la somma Agatha Mary Clarissa Miller, Lady Mallowan, meglio nota come Agatha Christie: «Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova». Bene, e tutto questo cosa c’entra con il mercato del Milan? Un attimo di pazienza e ci arriviamo, basta solo mettere in ordine, uno dopo l’altro, i tre indizi di cui sopra. 
Punto primo, la Puma e il club di via Aldo Rossi hanno appena ufficializzato un matrimonio che sarà celebrato il 1 luglio 2018 e che le le due aziende, oltre all’immensa e sempre più compatta tifoseria rossonera, si augurano soddisfacente per entrambe le parti, ricco di gloria e foriero di grandi ed entusiasmanti successi.

Amore per la Germania
Punto secondo, Massimiliano Mirabelli è un grande esperto di calcio tedesco. La recente sessione di mercato l’ha certificato, con gli acquisti del turco Hakan Calhanoglu dal Bayer Leverkusen e dello svizzero Ricardo Rodriguez dal Wolfsburg. Ad ulteriore testimonianza di un territorio particolarmente apprezzato dal direttore dell’area tecnica rossonera e frequentato spesso e volentieri, il recente viaggio in Germania del dirigente cosentino. In quei giorni si è parlato di tanti nomi, da Weigl a Brandt, da Meyer a Upamecano, ma il vero possibile obiettivo del Milan sembra proprio essere un altro.

Sponsor in comune
Punto terzo, Marco Reus, fantasista e capitano del Borussia Dortmund è uno dei testimonial di punta dell’azienda Puma, ma soprattutto è uno straordinario talento, arrivato nel pieno della sua maturazione (è un classe 1989) e soprattutto animato dalla voglia di fare una nuova esperienza al di fuori del Signal Iduna Park di Dortmund. Il numero 11 giallonero ha un contratto in scadenza nel giugno 2019 e, secondo i ben informati in Germania, poco propenso a rinnovare con il suo storico club. Uno scenario che costringerebbe il Borussia a cederlo al più tardi in estate, per non perderlo a parametro 0 nella prossima.

Valutazione importante
Fughiamo il campo da qualsiasi dubbio, stiamo parlando di un autentico fuoriclasse, un calciatore capace di cambiare il volto di una partita in ogni singolo momento. Adatto a coprire tutti i ruoli dell’attacco, quindi estremamente funzionale nel 4-3-3 praticato dal Milan attuale, Marco Reus ha un valore di mercato non inferiore ai 30 milioni di euro. Ecco però che l’intervento della Puma, sponsor sia del Borussia Dortmund che dei rossoneri, oltre che dello stesso calciatore, potrebbe intervenire. Come già fatto quando contribuì in maniera decisiva al pagamento dell’ingaggio di Antonio Conte in qualità di ct della nazionale italiana di calcio (anche gli azzurri sono griffati Puma).
Questo lo scenario generale che al momento, vale la pena, non registra alcuna trattativa ufficiale avviata. Ma come diceva Agatha Christie…