16 ottobre 2019
Aggiornato 06:00

Non solo Strinic: nel mirino del Milan il giovane Max Meyer

Dopo aver praticamente messo a segno il primo colpo a parametro 0 per la prossima stagione, Mirabelli ha iniziato a lavorare per un’altra grande operazione.

Il fantasista tedesco Max Meyer
Il fantasista tedesco Max Meyer ANSA

MILANO - Non accenna a placarsi il clamore per il primo colpo di mercato per la stagione 2018-19 messo a segno dalla dirigenza rossonera. Dopo una sessione bulimica, con 11 nuovi acquisti e oltre 230 milioni di euro spesi, e una finestra invernale trascorsa a guardare gli altri scannarsi e piazzare al massimo un paio di cessioni utili a sfoltire la rosa, ecco la notizia che ha messo in subbuglio la tifoseria del Milan: l’acquisto a parametro 0 di Ivan Strinic. Dato praticamente per scontato anche se mancano ancora le firme ufficiali, l'ingaggio del terzino croato della Sampdoria non ha entusiasmato il popolo milanista. Un po’ per lo spessore tutt’altro che da stella di prima grandezza del mancino blucerchiato, un po’ anche per la sua carta d’identità che alla voce data di nascita recita 17 luglio 1987. Come dire, non proprio un ragazzino.

Scelta per la panchina
Scelta che ha fatto discutere a maggior ragione perchè l’ex terzino del Napoli arriverà a Milanello per prendere il posto di Luca Antonelli, ritenuto da mister Gattuso non particolarmente affidabile, visto che nelle ultime due partite senza il titolare Ricardo Rodriguez ha preferito schierare sulla fascia mancina prima Borini, poi Calabria, entrambi fuori ruolo. A destare perplessità anche la tenuta del croato, quest’anno spesso e volentieri fermato per problemini fisici, tanto da aver collezionato appena 14 presenze in campionato, per 1110 minuti giocati, conditi da zero gol e appena due assist.

Talento indiscusso
In casa Milan però la ricerca di occasioni a parametro 0, stante le difficoltà a fare mercato che saranno sancite dal prossimo accordo con l’Uefa in materia di settlement agreement, non si fermano certo a Strinic. Nel suo recente viaggio in Germania, tour definito «di aggiornamento», Massimiliano Mirabelli sembra aver ricominciato a tessere la tela che dovrebbe portare il fantasista tedesco Max Meyer in rossonero. Già sfiorato in estate, quando l’ingaggio di Calhanoglu frenò quest’altra operazione, a giugno il classe 1995 dello Schalke 04 potrebbe tornare ad essere un obiettivo primario per il direttore dell’area tecnica del Milan. Si tratterebbe di un’opportunità eccellente visto che l’esterno offensivo cresciuto nel club della Ruhr è in scadenza di contratto e quindi arriverebbe eventualmente a parametro 0. Se consideriamo che stiamo parlando di un talento appena 22enne che vanta già 4 presenze e un gol nella nazionale maggiore della Germania e il cui cartellino ha già superato il valore di 25 milioni, è facile capire perchè si tratti di un’occasione da cogliere al volo. E Mirabelli, che il calcio tedesco lo conosce alla perfezione, questo lo sa benissimo.