9 dicembre 2019
Aggiornato 22:30

Milan: la classifica che riabilita la dirigenza e condanna Montella

Nel campionato di serie A, dopo Juve, Napoli e Roma è il Milan la quarta forza. L’Inter arriva dopo. È questo il risultato di una graduatoria stilata dal CIES Football Observatory CIES che tiene in considerazione il valore complessivo dei principali club europei. La conferma che il lavoro di Fassone e Mirabelli è stato buono, quello di Montella forse un po’ meno.

La gioia dei rossoneri dopo un gol
La gioia dei rossoneri dopo un gol ANSA

MILANO - C’è una classifica nella quale il Milan è avanti all’Inter. Non quella della serie A, purtroppo per i tifosi rossoneri, ma un’altra graduatoria stilata dal CIES Football Observatory che però potrebbe rivelarsi altrettanto importante: quella che mette in fila i club europei sulla base del valore di trasferimento stimato dei propri giocatori. Ebbene, secondo questa graduatoria, in cima troviamo l’inarrestabile Manchester City di Pep Guardiola con un valore complessivo di squadra di 1,196 miliardi di euro).

Milan davanti all’Inter
Subito a ruota la prima sorpresa, il Tottenham di Pochettino con 1,173 miliardi e poi in fila Barcellona (1,130), Chelsea (1,044), Manchester United (919 milioni) e Real Madrid (903). 
Notizie interessanti anche dalla nostra serie A, che rispecchia più o meno il valore stimato dei nostri grandi club. In cima alla classifica infatti c’è la Juventus pluricampione d’Italia e vice campione d’Europa con un valore di 743 milioni, poi il Napoli 721, la Roma 595.
La quarta in classifica, ed è questa la sorpresa più interessante per i tifosi rossoneri, è il Milan, con un valore complessivo di 457 milioni, ancor più dell’Inter che è un gradino più in basso con 445.

La responsabilità tecnica
Si tratta di semplici numeri che però potrebbero aiutare a fare chiarezza sulla bontà delle scelte di Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli nel recente mercato rossonero. E nello stesso tempo far calare la mannaia sull’operato del tecnico Montella, perchè questa classifica certifica una cosa: il Milan, per valore economico della squadra, merita di stare tra le prime 4. Il fatto che invece sia distanziato di una decina di punti abbondante non può che pesare sulle strategia tecnico-tattiche dell’allenatore.