16 luglio 2020
Aggiornato 18:00
Sul podio a Barcellona anche le due Honda, Rossi ottavo

Dovizioso non si ferma più: vince anche a Barcellona

Secondo successo di fila per la Ducati: non le succedeva dal 2010, ovvero dai tempi di Casey Stoner. Merito di un altro capolavoro di Desmodovi, che grazie alla giornata no di Vinales (solo decimo), si porta anche vicinissimo alla testa del Mondiale: ora dista solo sette punti

Andrea Dovizioso in azione sulla sua Ducati a Barcellona
Andrea Dovizioso in azione sulla sua Ducati a Barcellona Michelin

BARCELLONA – Ancora Ducati, ancora Andrea Dovizioso. A una sola settimana dalla sua perentoria affermazione in casa al Mugello, Desmodovi si ripete anche a Barcellona. La gara ha avuto una storia simile: anche stavolta è balzato in testa (dopo una partenza stentata con tanto di violenta impennata) Jorge Lorenzo, ma dopo soli cinque giri viene infilato di forza da Marc Marquez e da Dani Pedrosa e scivola indietro. A quel punto comincia a rinvenire proprio il forlivese, che dapprima si accoda alle due Honda, poi le scavalca una dopo l'altra. A nove giri dalla fine si porta al comando, e non lo cederà più fino al traguardo. Un risultato storico per la Rossa di Borgo Panigale (era da Casey Stoner 2010 che la squadra bolognese non si imponeva in due Gran Premi di fila) e anche pesantissimo per il campionato: in coincidenza con la giornata no di Maverick Vinales (solo decimo), infatti, Dovizioso riesce a recuperare quasi tutto il distacco dal pilota della Yamaha, portandosi a soli sette punti dal primato (111 contro 104).

I piazzamenti
Marc Marquez e Dani Pedrosa completano alla fine il podio alle sue spalle, mentre Jorge Lorenzo si deve accontentare del quarto posto. Peccato per Danilo Petrucci, scivolato a due giri dalla fine mentre era quinto. Ci mette una pezza, invece, Valentino Rossi, che grazie ad una prodigiosa rimonta nelle prime fasi di corsa riesce a risalire fino all'ottavo posto.