15 settembre 2019
Aggiornato 09:00

Bernardeschi-Juventus: sogno possibile

Le parole di Corvino lo allontanano da Firenze: «Abbiamo fatto il massimo». Ma Bernardeschi non si pronuncia, un silenzio che sa di rifiuto. O di attesa, in vista di offerte più importanti che potrebbero arrivare anche da Torino. Intanto, per ora, c’è l’Europeo Under 21 a cui pensare.

Il fantasista della Fiorentina Bernardeschi
Il fantasista della Fiorentina Bernardeschi ANSA

ROMA - Nell’amichevole di ieri sera contro l’Uruguay è entrato a mezz’ora dalla fine, senza incidere più di tanto. A breve partirà alla volta della Polonia, dove giocherà, da protagonista, l’Europeo Under 21 (esordio degli azzurrini domenica 18 giugno contro la Serbia). Per ora, però, il nome di Bernardeschi si lega solo a vicende di calciomercato. Rinnova o va via? Non si sa, lui intanto prende tempo. Questo è quel che si evince dalle dichiarazioni di Pantaleo Corvino, ds della Fiorentina. «A Federico abbiamo fatto una proposta anche oltre alle nostre possibilità. Lo abbiamo fatto con gioia per fargli continuare un percorso con noi a tempo indeterminato. Abbiamo fatto il necessario, una risposta però ancora non sta arrivando. Noi in tempi non troppo lunghi ci aspettiamo una risposta Lo abbiamo detto negli ultimi giorni al suo procuratore. Siamo fiduciosi, Berna ha sempre manifestato la voglia di stare con noi». Parole che denunciano una situazione tutt’altro che semplice in casa Fiorentina. E intanto le pretendenti stanno a guardare. Juventus in primis.

GLI ALTRI NOMI
Con quattordici gol stagionali, quella appena passata è da considerarsi come la stagione dell’exploit per Federico Bernardeschi. Normale, quindi, che il suo nome sia tra i più caldi di questo mercato, specie se consideriamo che stiamo parlando di un ragazzo di soli ventitré anni. Bernardeschi è un sogno dell’Inter da più di qualche estate, ma è certamente un profilo che può interessare anche alla Juventus. Rinforzare le fasce, garantendo delle alternative a Cuadrado e Mandzukic, è probabilmente il primo obiettivo della dirigenza bianconera. Il sogno si chiama Angel Di Maria, che lascerà quasi sicuramente il PSG. Certo, parliamo di un vero e proprio crack, per dirla all’argentina, che necessariamente ha i suoi costi: non spaventa tanto l’ingaggio, quanto i soldi necessari per convincere il club parigino. Altro nome che orbita dalle parti di Vinovo è Douglas Costa. L’esterno brasiliano piace molto ad Allegri e un’eventuale trattativa potrebbe essere facilitata dai buoni rapporti che intercorrono tra le dirigenze di Bayern Monaco e Juventus (lo dimostrano gli affari Vidal, Benatia e Coman). Da tempo si parla anche di Keita Balde: ma il senegalese va in scadenza tra un anno e i bianconeri sembrano essere disposti ad aspettare se, come pare, Lotito non intenda accettare un’offerta da venti milioni.

TRATTATIVA COMPLESSA
Ecco perché a spuntarla potrebbe essere l’unico italiano. La trattativa con Bernardeschi, però, non sarebbe esente da complicazioni. Innanzitutto, storicamente, gli affari tra Fiorentina e Juventus raramente vanno a buon fine. Il caso Baggio lo ricordiamo tutti, e la piazza di Firenze difficilmente accetterebbe di vedere di nuovo un suo figliol prodigo vestito di bianconero. Anche la dirigenza viola, di certo, vorrà le sue garanzie: per portar via Bernardeschi da Firenze non basterebbero meno di 40 milioni. Eppure, se l’affare dovesse concludersi, la Juve si ritroverebbe un potenziale fenomeno in casa. Per giunta italiano e ancora molto giovane. Anche per questo, a Vinovo, ci stanno facendo un pensierino.