22 settembre 2020
Aggiornato 23:00
Euro 2016

Milan, Giaccherini e Immobile sul taccuino di Galliani

La bella prestazione del fantasista di proprietà del Sunderland rilanciano le sue quotazioni. E tra le tante pretendenti a Giaccherini (Torino e Fiorentina innanzitutto) adesso che anche il Milan, con Galliani interessato pure a Ciro Immobile.

MILANO - Il fatto che ci sia ancora qualcuno disposto ad accostare il nome del Milan a operazioni di mercato di qualsiasi genere e grado è già di per sé un buon segnale per l’affranto popolo rossonero. L’amaro calice della verità, da bere tutto d’un fiato per i tifosi milanisti, ha in realtà il sapore insulso dello zero assoluto, del nulla cosmico, della totale assenza di novità. Non proprio la maniera migliore per approcciarsi ad una stagione nella quale il Milan è costretto già a partire con un pesante handicap rappresentato dal settimo posto in campionato raggiunto appena due mesi fa.

Giaccherinho 

Sta di fatto che è bastata una grande prestazione dell'Italia all'esordio e Euro 2016, in particolare del rossonero De Sciglio, ma anche di altri due giovani azzurri, Giaccherini e Immobile, per scatenare le fantasie più morbose di esperti di mercato, opinionisti, osservatori e naturalmente tifosi interessati. 

Partiamo dal match winner di Belgio-Italia, il già ribattezzato Giaccherinho, capace di mettere a sedere il fenomenale portiere del Chelsea Courtois con un’autentica magia fatta di stop e seguire e pallone nell’angolo alla sinistra del lungagnone belga.

Addio Sunderland

Giaccherini, malgrado la sua ottima stagione disputata all’ombra delle Due Torri bolognesi, è ancora di proprietà del Sunderland, con un contratto in scadenza giugno 2017. Il fantasista classe ’85 però è già in rampa di lancio per una nuova avventura, stavolta in via definitiva. Sulle sue tracce si sono già mossi diversi club italiani, tra cui Torino e Fiorentina. Pare però che in queste ultime ore un sondaggio perlustrativo l’abbia fatto anche Adriano Galliani, ormai definitivamente alla ricerca di calciatori italiani per il Milan sognato da Silvio Berlusconi.

Immobile per l’attacco

Giovani e italiani come Ciro Immobile, segnato da un destino simile a quello del compagno di nazionale Giaccherini. Anche lui di proprietà di un club straniero (il Siviglia), anche lui reduce da una stagione in prestito in una squadra italiana (il Torino), anche lui bollato dai tifosi azzurri come inutile alla vigilia dell'Europeo e invece protagonista di uno spezzone di partita contro il Belgio più che incoraggiante. Ebbene, in caso di cessione di Bacca, potrebbe essere proprio il centravanti napoletano il nuovo obiettivo per l'attacco rossonero. Sempre che si chiariscano in fretta ruoli e compiti nell’Ac Milan e di decida chi sarà il nuovo proprietario, chi traccerà le linee guida della società e chi farà il mercato. La sensazione è che non cambierà nulla rispetto al recente passato, con buona pace dei tifosi rossoneri che ancora sperano in un miracolo.