20 novembre 2019
Aggiornato 05:00

Milan, stagione finita per Niang: «Operazione necessaria»

Scontato ancorché drammatico l’esito della visita sostenuta quest’oggi a Amsterdam dal francese Niang, costretto ad un intervento chirurgico per risolvere il problema alla caviglia. Per lui stagione finita e Sinisa Mihajlovic adesso dovrà fare in fretta a far quadrare i conti in attacco dove nessuna delle punte rossonere sembra in condizioni di forma accettabili.

MILANO - «AC Milan comunica che oggi ad Amsterdam M’Baye Niang si è sottoposto  a visita specialistica presso il professor Niek Van Dijk, il quale ha stabilito che la lesione capsulo legamentosa della caviglia sinistra necessita intervento chirurgico. L’intervento sarà effettuato dallo stesso prof. Van Dijk venerdì prossimo».
Una sintesi asciutta, quella espressa dal comunicato ufficiale diffuso dal club di via Aldo Rossi, che cela a malapena le ansie derivanti da questa terribile notizia per Sinisa Mihajlovic. 

Dalle stelle alle stalle in 5 giorni
Quanto in fretta possano cambiare gli scenari nel calcio è fotografato perfettamente da ciò che sta accadendo al Milan negli ultimi giorni. Era appena mercoledì quando i rossoneri asfaltavano l’Alessandria nella semifinale di ritorno della Coppa Italia e si preparavano a dichiarare guerra a Roma, Fiorentina e Inter nella corsa ad un posto in Champions League per la prossima stagione.
Oggi, a distanza di appena 5 giorni, dopo l’inattesa e sanguinosa sconfitta rimediata al Mapei Stadium contro il Sassuolo, il Milan è pressoché definitivamente fuori dai giochi per il terzo posto e vede messo in discussione anche l’accesso all’Europa League, garantito dalla sesta piazza in campionato.

Mihajlovic alle prese col rebus attacco
A complicare ulteriormente le cose per mister Mihajlovic, la notizia dell’intervento chirurgico che costringerà Niang a restar fuori fuori fino a fine stagione, complicando non poco i piani del tecnico serbo del Milan. Promosso al ruolo di titolare inamovibile dell’attacco rossonero, più per i demeriti dei suoi compagni di reparto che per le proprie qualità intrinseche, il francese ora farà bene a riflettere attentamente sulle cause che l’hanno portato ad uscire fuori strada - anche metaforicamente - con la speranza di tornare ulteriormente cresciuto e maturo al via del prossimo campionato.
Intanto Mihajlovic sfoglia la margherita, ma vista la prestazione complessiva di tutto il reparto avanzato contro il Sassuolo, c’è davvero poco da ridere: il prosieguo della stagione rossonera si annuncia tutt’altro che sereno.