1 ottobre 2020
Aggiornato 16:30
Calcio - Serie A

Milan, piccoli Donnarumma crescono

L’ambizione di Silvio Berlusconi di ricostruire un Milan vincente, ma soprattutto giovane e italiano, sta trovando risposte soddisfacenti dal vivaio rossonero. Ecco i prospetti più interessanti che potrebbero seguire presto Gigio Donnarumma in prima squadra.

MILANO - Adriano Galliani è già al lavoro per blindare Gianluigi Donnarumma. Le cronache raccontano di vari incontri già avvenuti tra l’ad rossonero e gli agenti del fenomenale Gigio, i cugini Mino e Enzo Raiola, e pare che si sia arrivati ad un accordo: prolungamento di contratto di un anno adesso, in attesa del compimento della maggiore età per il piccolo grande portiere del Milan (25 febbraio 2017), quando - regolamento alla mano - Donnarumma potrà siglare un ricco quinquennale da un milione l’anno a salire, tanto da poterlo tenere al riparo dagli assalti feroci che tutte le big d’Europa stanno progettando per accaparrarsi i suoi servigi.
Ma al Milan si lavora soprattutto per il futuro e il vivaio rossonero continua ad essere una miniera inesauribile di talenti. Ecco i 7 giovani più promettenti sui quali siamo in grado di scommettere fin d’ora.

Manuel Locatelli - 1998
L’investitura di «nuovo Pirlo», arrivata direttamente dal presidente Berlusconi, potrebbe rappresentare un fardello pesante da portare per un ragazzotto che è appena diventato maggiorenne. Ma il centrocampista rossonero sembra non risentire della pressione e per premio, dopo l’addio di Nocerino, è arrivato per lui un trasloco in pianta stabile in prima squadra. Locatelli (08/gen/1998) riesce a rendere al meglio nelle due fasi: abile nelle chiusure e negli anticipi, addirittura fenomenale nella lettura delle partite, delle giocate e dei compagni da servire sempre con precisione e puntualità. Dotato di leadership e già convocato in tutte le varie rappresentative nazionali Manuel potrebbe essere il primo della lista a seguire Donnarumma tra i titolari di mister Mihajlovic. 

Patrick Cutrone 1998
Nato appena 5 giorni prima del compagno di squadra Locatelli, Cutrone (03/gen/1998) è un altro che potrebbe vedersi spalancare a breve le porte della prima squadra. In questi giorni di analisi, discussioni e test sul possibile nuovo partner di Carlos Bacca c’è addirittura chi ha suggerito di provare il baby della Primavera rossonera al posto di Balotelli, sempre più irritante nelle sue uscite con la maglia del Milan. Protagonista di una stagione complicata, caratterizzata da un infortunio che l’ha costretto a lungo ai box, adesso Patrick sta ritrovando la condizione e la via del gol e da lui si attende solo l’esplosione definitiva.

Sebastian Gamarra - 1997
È il più «anziano» del gruppo ed infatti mister Brocchi gli ha conferito di diritto i gradi di capitano della squadra Primavera. Giocatore poliedrico, centrale di centrocampo ma all’occorrenza anche difensore centrale, Gamarra (15/gen/1997) è un ragazzo di grande personalità e può vantare già un significativo curriculum internazionale: il ragazzo ha già esordito con la nazionale A del suo paese natale, la Bolivia, nella passata edizione della Copa America. Non male per un ragazzino di appena 19 anni. 

Ivan De Santis - 1997
Ripensando alla doppietta realizzata da Alessio Romagnoli nella semifinale di ritorno contro l’Alessandria, evidenziare il profilo di Ivan De Santis (21/mag/1997) diventa ancora più attuale. Il giovane difensore della Primavera di Brocchi si sta confermando un’arma preziosa per la sua squadra anche in area avversaria, grazie soprattutto alle 8 reti già realizzate dal classe ’97 del Vismara in questa stagione. Se pensate che i cannonieri della squadra, Cutrone e Vassallo, sono appena un gol sopra, e che il giovanissimo talento rossonero ha iniziato a segnare anche con l’Italia Under 19 (suo il gol del pareggio contro la Francia), i meriti di De Santis assumono ancora maggior spessore.

Emanuele Torrasi - 1999
Centrocampista, mezzala di grande tecnica e riconosciuta leadership, dotato di un gran tiro e bravo negli inserimenti senza palla, il giovanissimo Torrasi (16/mar/1999) è un perno fondamentale della squadra Allievi Nazionali di mister Monguzzi. Anche lui è entrato in pianta stabile nel giro della Nazionale e si aspetta solo il suo trasloco definitivo in Primavera per poi spiccare il volo verso la prima squadra. 

Raoul Bellanova - 2000
Terzino destro e difensore centrale di grande affidabilità, il baby Bellanova (17/mag/2000) si è già messo in luce sia con gli Allievi Nazionali del Milan che con la nazionale italiana Under 17. Una crescita talmente tanto inarrestabile da aver indotto i principali club europei (Chelsea, Borussia Dortmund e Schalke 04) a scomodare i propri osservatori per farlo monitorare. Inutile dire che la cosa ha funzionato come campanello d’allarme per Galliani che sta già studiando il modo di legarlo al Milan per gli anni a venire.

Alessandro Plizzari - 2000
Se pensate che al Milan ci sia solo un calciatore, Gigio Donnarumma, capace di fare il salto triplo di categoria, ebbene vi sbagliate. Prendete il caso di Alessandro Plizzari, non ancora sedicenne, sbalzato dagli Allievi Pro - dove ha iniziato la stagione - fino alla Primavera di Brocchi, abitata normalmente da ’97 e ’98, senza passare dagli Allievi Nazionali. È il segno distintivo del talento inconfondibile che ormai sta diventando un marchio di fabbrica quando si tratta dei giovanissimi portieri del vivaio rossonero. Anche per Plizzari (12/mar/2000) le porte di Coverciano e della Nazionale azzurra sono aperte già da un bel po’: prima con l’Under 15, poi con l’Under 16 e per finire - sottoetà - con l’Under 17.