19 settembre 2019
Aggiornato 01:30

Orlando avvisa i 5 Stelle: «Confronto sia serio e senza furbizie»

Il vicesegretario del Partito Democratico: «Altro ieri 10 punti tassativi, ieri alle 14 taglio parlamentari, alle 21 Conte o morte»

Il vicesegretario del PD, Andrea Orlando
Il vicesegretario del PD, Andrea Orlando ANSA

ROMA - «L'altro ieri c'erano i 10 punti tassativi. Ieri alle 14 il taglio dei parlamentari. Alle 21 Conte o morte (questione non posta alle 14). Così è molto complicato..... Un confronto serio, ordinato e senza furbizie è l'unica via per dare un governo al Paese». Lo ha affermato il vice segretario del Pd, Andrea Orlando, commentando su twitter l'andamento del confronto tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle per il superamento della crisi di governo.

Zingaretti: «Serve svolta per nuova stagione di crescita»

«Noi crediamo che sia importante aprire con tutte le nostre forze una nuova fase politica, è necessario dare vita ad un governo di svolta, per il lavoro, per la crescita, che affronti la situazione politica con un nuovo modello per aprire una nuova stagione. Per questo abbiamo chiesto un governo in discontinuità con quello che ci ha visto tra gli oppositori. Per quanto riguarda i punti programmatici presentati, siamo disponibili e aperti ad ogni tipo di confronto. La sede nazionale del Pd è aperta e continueremo a lavorare per cercare di aprire una nuova stagione politica». Lo ha scritto su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Delrio: «Serve vera discontinuità su priorità Paese e famiglie»

«Sulle priorità del Paese e delle famiglie serve vera discontinuità. Cambiare agenda significa smettere la guerra alla cooperazione sociale, alle Ong, ai volontari ed alle persone che aiutano chi soffre ed è più debole. Contrastare con la massima determinazione il cambiamento climatico e lo sfruttamento del territorio. Agire per abbattere la disoccupazione e mettere più soldi in tasca ai lavoratori. Aiutare le famiglie a crescere i propri figli con politiche efficienti e serie e con scuole di qualità». Lo ha dichiarato in una nota il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio.