23 ottobre 2019
Aggiornato 18:00

Renzi: «Brexit? Lasciare l'UE non conviene». Gentiloni: «Ora servirebbe nuovo referendum»

L'ex Premier del Partito Democratico: «Il tempo è galantuomo e lo dimostra». L'eurodeputata Simona Bonafè: «Bocciatura faccia meditare antieuropeisti»

Paolo Gentiloni e Matteo Renzi
Paolo Gentiloni e Matteo Renzi ANSA

ROMA - «Clamoroso in Uk: la May va sotto di 200 voti. La Brexit è un disastro e nessuno sa come uscirne: nuovo referendum? Rinvio della data del 29 marzo? Uk intanto ha smesso di correre e si sta accasciando. Uscire dall'Europa non conviene: il tempo è galantuomo e lo sta dimostrando». Lo ha dichiarato via Twitter l'ex premier Pd Matteo Renzi.

Gentiloni: «Servirebbe nuovo referendum»

«#Westminster 432/202 Durissima sconfitta per Theresa May. Brexit nel caos. Per uscirne servirebbe un nuovo referendum. Si formerà una maggioranza parlamentare per promuoverlo?». Lo ha scritto su Twitter l'ex premier Paolo Gentiloni.

Bonafè: «Bocciatura faccia meditare antieuropeisti»

«La bocciatura dell'accordo negoziato tra Londra e Bruxelles per l'uscita del Regno Unito dall'Ue prospetta un percorso davvero accidentato e pericoloso, e non solo per i cittadini britannici, qualunque sia lo sbocco che il voto avrà. Ci auguriamo pero' che almeno un risultato lo porti: che questa sera i tanti antieuropeisti che trasformarono la Brexit in una sorta di 'manifesto' per dire che stare fuori dall'Europa sarebbe stata la panacea di tutti i mali, qualche dubbio se lo pongano». Lo dichiara l'eurodeputata del Pd, Simona Bonafè.

«Caos regna sovrano»

«Dopo il voto della Camera dei Comuni - ha aggiunto Bonafè - il caos regna sovrano, nei prossimi giorni capiremo quali saranno le ricadute politiche e pratiche che questa scelta avrà sul governo inglese, ma anche sull'Europa intera e sul nostro Paese. Ho sempre ritenuto una follia l'uscita dall'Ue e dopo questa sera ne sono convinta più che mai».