28 giugno 2022
Aggiornato 22:30
Il 25 aprile della Lega nord

Salvini in piazza a Verona per la legittima difesa: «Un Paese è libero solo se è sicuro»

Successo a Verona per la manifestazione della Lega nord, «La difesa è sempre legittima», che ha riempito gli oltre 5mila posti del palazzetto cittadino. Il leader del Carroiccio ha esordito: «Siamo qui per unire e non per dividere. È una giornata di unione e liberazione»

VERONA – Successo a Verona per la manifestazione della Lega nord, «La difesa è sempre legittima», che ha riempito gli oltre 5mila posti del palazzetto cittadino con delegazioni di simpatizzanti arrivati da tutta Italia per ascoltare le parole del loro segretario, Matteo Salvini.

Il terrorismo finanziario della Bce
Il leader del Carroiccio ha esordito: «Siamo qui per unire e non per dividere. È una giornata di unione e liberazione. Siete voi il cambiamento di questo paese». Ricordando i soldati italiani che persero la vita sul Piave «perché non passasse lo straniero», Salvini ha spiegato che un Paese «è libero solo se è sicuro, ma oggi la Marina militare lo va a prendere lo straniero». Poi ha continuato l'eurodeputato: «Settanta anni fa qualcuno stava lottando per liberare il Paese dalla occupazione. Adesso siamo probabilmente più occupati di allora. Il terrorismo di oggi - ha aggiunto - è quello finanziario che porta 7 milioni di italiani ad essere poveri, è quella della Bce, della finanza, quello che ci fa invadere da mezzo mondo che non scappa dalla guerra».

La legittima difesa è un diritto
Per il segretario leghista «la legittima difesa è un diritto del singolo in casa e delle comunità sovrane nel proprio Paese. Con oggi parte una marcia di liberazione di questo Paese occupato perché dobbiamo liberarci dalla fame, dalla povertà, dal precariato, da regole e direttive europee che stanno massacrando la nostra gente». Salvini ha detto ancora: «Con il cuore saremo in tutte le piazze d’Italia. La libertà non ha colori e partiti e rispettiamo le scelte di ognuno. L’Italia però non è un Paese sicuro e quindi non è un Paese libero. Per questo noi oggi siamo a Verona, per dire con determinazione e forza che la difesa è sempre legittima».