28 settembre 2020
Aggiornato 20:30
La candidata M5s contro il Pd

Raggi: Le nostre primarie sono libere e gratuite

La candidata del Movimento 5 Stelle si scaglia contro il presidente del Pd Matteo Orfini, ribadendo l'onesta delle primarie indette dal Movimento e sottolineando il flop di quelle del Partito di Matteo Renzi

ROMA - Continua la polemica a Roma per le primarie del Pd che sarebbero state poco limpide. Il Movimento 5 Stelle, nella persona della sua candidata alla corsa al Campidoglio, Virginia Raggi, risponde alle parole del presidente del Partito democratico e commissario del Pd romano, Matteo Orfini. 

Affluenza bassa alle primarie del Pd
«Ad Orfini dico che le nostre primarie sono gratuite le loro no. Le nostre si sono svolte in assoluta libertà e chi si voleva candidare lo ha fatto mentre il Pd sceglie sempre quelle quattro persone nominate dalla segreteria», afferma la candidata sindaco di Roma del M5s Virginia Raggi. «I dati dimostrano che l'affluenza alle primarie del Pd è stata più bassa rispetto alle precedenti», aggiunge ancora la grillina romana.

Pd dovrebbe fermarsi
«Per dignità forse il Pd doveva fermarsi, peraltro sono ancora senza programma...», continua ancora la candidata del Movimento 5 Stelle. Ai giornalisti che le chiedevano una considerazione sul suo sfidante del Pd Roberto Giachetti, ha risposto: «Farà il gioco del Pd, poteva essere Giachetti come qualunque altro tanto non cambia nulla. Sempre lo stesso partito, il partito di Mafia Capitale». La candidata pentastellata apre poi ad un confronto pubblico. «Quando sarà - dice - noi ci siamo».