26 agosto 2019
Aggiornato 08:30

Zingaretti: «Salvini affonda il Nord e il sovranismo è un imbroglio»

Il neo Segretario del PD intervistato da La Stampa: «Governo gialloverde ci ha reso ultimi in Europa. Tav? Dossier per coprire gigantesco problema politico»

Il neo Segretario del PD, Nicola Zingaretti
Il neo Segretario del PD, Nicola Zingaretti ANSA

TORINO - «Il sovranismo è un imbroglio, vinceremo sradicando la paura». Lo afferma in una lunga intervista alla Stampa il neo segretario del Pd Nicola Zingaretti, che ieri come prima uscita ha scelto di andare a Torino, città simbolo della Tav. Secondo Zingaretti «Salvini affonda il Nord» e i Cinquestelle «sono vittime e complici».

Tav? Nel Governo giorco delle tre carte

«Torino - osserva Zingaretti - è diventata simbolo di una regressione culturale, da qui dobbiamo ripartire per ridare fiducia al Paese», «l'hanno capito tutti che l'Italia la governa Salvini. Il quale fa prevalere l'interesse del partito su quello nazionale. E' un lucro miserevole. Non penso che le divergenze tra M5s e Lega siano sul progetto ma sull'opera in sè. Dossier, studi e controstudi servono solo a nascondere un gigantesco problema politico. Un gioco delle tre carte a spese del Paese».

Governo gialloverde ci ha reso ultimi in Europa

«Il governo gialloverde ci ha fatto diventare gli ultimi in Europa e anche la Lega di Salvini, nazionalista, è contro gli interessi del Nord e contro gli interessi produttivi. Vorrei parlare alle tante persone che hanno votato Cinquestelle e Salvini, perché catturati da parole che guardavano alla speranza e al futuro e che ora cominciano a capire che non è così, vorrei dire che noi vogliamo unire l'Italia per renderla più forte», ha osservato Zingaretti. «Dobbiamo ricostruire il Paese, l'altro elemento identitario di questo governo oltre al non far nulla è l'odio», ha concluso.