18 giugno 2019
Aggiornato 06:30
Vertice Eurogruppo sul salvataggio della Grecia

«Servirebbe il veto dell'Italia, ma manca coraggio»

Lo scrive su Facebook il deputato M5S, Danilo Toninelli: «Servono indipendenza e coraggio. Doti proprie solo del M5s». Buttiglione: «C'è problema fiducia, entri in campo Italia»

ROMA (askanews) - «Sto seguendo l'evolversi dell'Eurogruppo sul salvataggio della Grecia. I Paesi pro austerità capeggiati dalla Germania sembrano un corpo malato che reagisce all'iniezione di democrazia. Da una parte gli interessi bancari dall'altra quelli dei popoli. Per far vincere i secondi basterebbe il veto dell'Italia. Servono indipendenza e coraggio. Doti proprie solo del M5s». Lo scrive su Facebook il deputato M5S, Danilo Toninelli.

Buttiglione: C'è problema fiducia, entri in campo Italia
«Il problema non sono i soldi, è la fiducia. Dopo molte furbate del passato adesso l'ala radicale di Syriza vota in Parlamento il via libera all'accordo preannunciando che però voterà contro i provvedimenti che lo concretizzano. Questa ultima furbata ha fatto esplodere la diffidenza dei tedeschi. Solo un pazzo può dire: ti do la mia parola ma ti preavverto che non ho intenzione di mantenerla». Lo afferma in una nota il vicecapogruppo vicario di Area popolare alla Camera, Rocco Buttiglione.
«Entri in campo l'Italia, Renzi - aggiunge - dica a Tsipras che deve fare un nuovo governo con Nea Demokratia e senza quelli che vogliono stare in maggioranza solo per sabotare l'accordo. E dica anche alla Merkel che non si può condannare il popolo greco a pagare il prezzo della fame per la irresponsabilità dei suoi governanti se solo esiste una possibilitá di evitarlo. Si chieda, se mai, ad Atene una tabella di marcia delle riforme condizionando ogni rata di erogazione degli aiuti al completamento di un pezzo del programma. Non si può rinunciare a venire in aiuto del popolo greco - conclude Buttiglione - senza avere fatto tutto il possibile per raggiungere l'accordo».