23 luglio 2019
Aggiornato 05:30
La missione

Storica visita di Xi in Corea del Nord da Kim per «far ragionare» Trump

Il viaggio punta a rimettere la Cina al centro del processo negoziale nella strategica Penisola coreana, dopo che a febbraio il summit di Hanoi tra il leader nordcoreano Kim Jong Un e il presidente Usa Donald Trump è fallito

Kim Jong-Un con Xi Jinping
Kim Jong-Un con Xi Jinping ANSA

PECHINO - E' iniziata oggi l'attesa visita del presidente cinese Xi Jinping in Corea del Nord, la prima nel paese alleato dell'attuale leader di Pechino. Erano 14 anni che un numero uno della Repubblica popolare non metteva piede in Nordcorea. Il viaggio, che durerà fino a domani, punta a rimettere la Cina al centro del processo negoziale nella strategica Penisola coreana, dopo che a febbraio il summit di Hanoi tra il leader nordcoreano Kim Jong Un e il presidente Usa Donald Trump è fallito. Xi, alla fine della prossima settimana, sarà a Osaka in Giappone per il G20 e lì avrà un lungo colloquio con il leader americano, nel quale si parlerà della guerra commerciale Washington-Pechino ma anche della vicenda nordcoreana.

I due leader hanno avuto colloqui

Xi è arrivato a Pyongyang accompagnato dalla moglie Peng Liyuan, dal ministro degli Esteri Wang Yi e dal consigliere di stato e massimo esponente diplomatico del paese Yang Jiechi. A ricevere Xi all'aeroporto Sunan è stato Kim accompagnato dal premier Pak Pong Ju e e dal ministro degli Esteri Ri Yong Ho. Del comitato d'accoglienza facevano parte anche almeno 10mila persone in abiti tradizionali all'aeroporto, e altre decine di migliaia lungo le strade della capitale fino al Palazzo del Sole Kumsusan. L'agenzia di stampa cinese Xinhua ha comunicato che i due leader hanno avuto colloqui.

70mo anniversario delle relazioni diplomatiche

Kim e Xi prenderanno inoltre parte a un banchetto, il presidente cinese assisterà a uno spettacolo coreografico di ginnastica presso il gigantesco stadio Rungrado, visiterà la Torre d'Amicizia DPRK-Cina, vicino all'Ambasciata cinese. La visita è occasionata dal 70mo anniversario dello stabilimento delle relazioni diplomatiche tra Cina e Corea del Nord.

Onu, Russia e Cina si oppongono a stop forniture petrolio Nordcorea

Russia e Cina hanno bloccato alle Nazioni Unite un'iniziativa americana per bloccare le forniture di petrolio raffinato alla Corea del Nord, accusata da Washington di aver superato le quote autorizzate per il 2019. È quanto si è appreso da fonti diplomatiche. Russia e Cina hanno giudicato necessario più tempo per studiare la richiesta americana, sostenuta da venticinque nazioni tra cui Giappone, Francia e Germania, secondo le stesse fonte. Non è al momento possibile sapere quanto durerà la sospensione imposta da Mosca e Pechino.

Nel 2018, un blocco simile era stato contrapposto agli Stati Uniti

La loro richiesta di far interdire ogni fornitura l'anno precedente non aveva avuto seguito. Una settimana fa, gli Stati Uniti avevano affermato in un rapporto che la Corea del Nord aveva sforato nel 2019, attraverso le spedizioni illegali di merci via mare, le sue quote di importazione di petrolio fissate dall'Onu. Avevano in seguito chiesto alle Nazioni Unite di proclamare la fine di ogni nuova fornitura.