19 maggio 2019
Aggiornato 18:30
Russia-Cina

Xi Jinping a Putin: sei il mio «migliore amico»

L'occasione è stata la consegna del diploma di dottorato onorario all'università Tsinghua per il presidente russo

Video Euronews

MOSCA - Xi Jinping ha definito Vladimir Putin il suo «migliore amico». L'occasione è stata la consegna del diploma di dottorato onorario all'università Tsinghua per il presidente russo. Alla cerimonia solenne, Xi ha dichiarato che era «particolarmente lieto di consegnare il diploma di dottore onorario presso la sua Alma Mater al suo migliore amico». Putin, a sua volta, ha definito un grande onore ricevere il titolo onorifico da una delle principali università in Cina e tra le dieci migliori istituzioni educative al mondo.

Per Putin non è la prima volta

Nella complessa visita a Pechino, la sosta universitaria dimostra l'alto grado di considerazione tra i due Paesi. L'Università di Tsinghua è costantemente al primo posto nella classifica nazionale delle università in Cina. Tra i laureati dell'ateneo ci sono molti personaggi famosi, tra cui due presidenti della Repubblica popolare cinese: Hu Jintao e lo stesso Xi Jinping. Per Putin invece, non è la prima volta. Si tratta dell'ottavo titolo di dottore onorario. L'ultima consegna di tale livello è avvenuta all'università greca del Peloponneso nel 2018.

Putin: Kim ha bisogno di garanzie per denuclarizzazione

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che il leader nordcoreano Kim Jong-un ha bisogno di garanzie internazionali di sicurezza per porre fine al suo programma nucleare. Tali garanzie, ha detto il capo del Cremmlino dopo aver incontrato per la prima volta Kim a Vladivostok, nell'Estremo Oriente russo, andrebbero offerte su base multinazionale. Kim ha definito il vertice «uno scambio faccia a faccia molto significativo», mentre Putin ha detto che il leader nordcoreano è «piuttosto aperto» e ha «parlato liberamente di tutti i temi in agenda».

Il negoziato USA e Corea del Nord

L'incontro segue l'interruzione del negoziato tra Usa e Corea del nord a febbraio, in occasione di un vertice tra Kim e Donald Trump a Hanoi. I colloqui fallirono apparentemente per la richiesta nordcoreana di revoca di tutte le sanzioni economiche in cambio di alcuni impegni alla denuclearizzazione, un accordo che a Washington non piaceva.