27 gennaio 2020
Aggiornato 16:00
Incertezza politica e dei mercati

Previsioni al ribasso sull'economia ellenica

La commissione europea ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita economica della Grecia quest'anno, avvertendo che l'incertezza politica che grava sul paese dal dicembre scorso (quando Syriza ha vinto le elezioni), assieme all'inasprimento delle condizioni finanziarie - legato ai dubbi sul completamento del suo programma di correzione - stanno frenando la ripresa.

ATENE (askanews) - La commissione europea ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita economica della Grecia quest'anno, avvertendo che l'incertezza politica che grava sul paese dal dicembre scorso (quando Syriza ha vinto le elezioni), assieme all'inasprimento delle condizioni finanziarie - legato ai dubbi sul completamento del suo programma di correzione - stanno frenando la ripresa.

Crescita limitata del Pil greco per il 2015
Ora sul 2015 l'esecutivo comunitario prevede una crescita del Pil greco limitata allo 0,5 per cento, mentre nel 2016 si dovrebbe registrare una ripresa ben più solida, con un più 2,9 per cento.

Conti pubblici capitolo problematico
Nel frattempo i conti pubblici restano un capitolo problematico, con il debito pubblico greco che segnerà un record quest'anno superando la soglia del 180 per cento del Pil (180,2%). Nel 2016 comunque dovrebbe mostrare una riduzione al 173,5 per cento. Secondo l'Ue la Grecia dovrebbe riuscire a ridurre il deficit di bilancio al 2,1 per cento del Pil quest'anno, dal 3,5 per cento del 2014. Nel 2016 dovrebbe risultare quasi invariato al 2,2 per cento del Pil.