5 aprile 2020
Aggiornato 03:00
La Germania approva il Piano Juncker da 315 mld

Merkel: «Ok agli investimenti, ma a chi vanno lo decidiamo noi»

La cancelliera tedesca è intervenuta al Bundestag, esprimendo soddisfazione per il piano di investimenti varato da Juncker. Ma invita alla chiarezza sui progetti a cui gli investimenti andranno destinati

BERLINO - Intervenendo al Bundestag, la camera bassa del Parlamento tedesco, la cancelliera Angela Merkel ha appoggiato il nuovo piano di investimenti europei proposto dalla Commissione Ue per rilanciare l'economia nell'Unione europea, a patto, però, che i fondi siano investiti saggiamente.

SI FACCIANO INVESTIMENTI SAGGI - «Il governo tedesco appoggia in linea di principio il pacchetto proposto da Jean Claude Juncker, con il quale la commissione europea assieme alla Banca europea degli investimenti (o Bei) intendono mobilitare 315 miliardi di euro di ulteriori investimenti - ha dichiarato Merkel, aggiungendo - Sottolineiamo che gli investimenti sono importanti, ma prima di tutto deve essere chiaro quali sono i progetti a cui sono destinati». La Commissione europea ha ufficializzato un piano di investimenti da 315 miliardi di euro per rilanciare la crescita dell'Europa e ridare lavoro ad un maggior numero di persone. Il Parlamento europeo e il Consiglio europeo di dicembre sono ora invitati ad approvare il piano. Tutte le misure pertinenti devono essere adottate in modo tale che il nuovo Fondo europeo per gli investimenti strategici possa nascere entro la metà del 2015.

TRICHET: SIAMO SULLA STRADA GIUSTA - Intanto, secondo l'ex presidente della Bce Jean-Claude Trichet, intervistato dal direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli nel corso di un incontro organizzato dall'Osservatorio giovani-editori presieduto da Andeea Ceccherini​, il piano presentato dal presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker indica «la strada giusta»«Sicuramente - ha detto Trichet - è una cosa buona che la Commissione abbia lanciato questo piano, con l'idea di preparare un futuro migliore e una visione di lungo termine per migliorare e potenziare la crescita dei Paesi europei. Investimenti a lungo termine sono essenziali» così come a breve è fondamentale, ha detto, «poter attivare l'economia».Questo «è molto importate e avrebbe dovuto essere fatto prima». Il piano, per Trichet, «ha l'ambizione di avere un rapporto elevato tra denaro pubblico e privato» negli investimenti, ma «l'importante è avviare un processo e avere la volontà di andare su una strada che mi sembra quella giusta».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal