8 agosto 2020
Aggiornato 22:30
Politiche europee

Dombrovskis avvisa il Governo: «Il Patto di Stabilità tornerà dopo la recessione»

Il vicepresidente della Commissione europea: «Torneremo sul tema in autunno. Il MES è come chiesto dall'Italia, con risparmi importanti sugli interessi: centinaia di milioni di euro di risparmi ogni anno»

Il vicepresidente della Commissione UE, Valdis Dombrovskis
Il vicepresidente della Commissione UE, Valdis Dombrovskis ANSA

«Il Patto di stabilità non è sospeso. Abbiamo solo attivato la 'General Escape Clause', la clausola generale di fuga, che certo ha conseguenze importanti e infatti non stiamo indicando ai governi obiettivi di debito e di deficit. Ma questa clausola ha anche chiare condizioni di scadenza e si applica in caso di una severa contrazione dell'economia». Lo afferma il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, in un'intervista al Corriere della Sera.

«Quando poi non saremo più in una fase di severa caduta dell'economia - aggiunge -, abbiamo detto che l'avremmo disattivata. Non possiamo dire quando, data l'incertezza. Torneremo sul tema in autunno. Di recente l'European Fiscal Board ha suggerito che la clausola andrebbe rivista entro primavera prossima al più tardi».

«Il MES è come chiesto dall'Italia»

Per quanto riguarda il Mes, il vicepresidente della Commissione europea spiega che «è disponibile per tutti nell'area euro, ma tocca ai governi decidere. In ogni caso il punto che l'Italia sollevava con grande forza sul Mes riguardava la condizionalità. E questo programma è stato disegnato in modo che non ce ne sia; il solo requisito è che i soldi siano spesi in spesa sanitaria diretta e indiretta. Non c'è condizionalità macroeconomicaofinanziaria. Penso che questo fosse un punto molto importante per l'Italia ed è stato soddisfatto in pieno. Nel caso dell'Italia ora sono disponibili oltre 35 miliardi, con risparmi importanti sugli interessi: centinaia di milioni di euro di risparmi ogni anno per un decennio».