4 luglio 2020
Aggiornato 06:30
Emergenza coronavirus

Romano Prodi e il piano anti-coronavirus salva Europa: «Servono gli Eurobond per centinaia di miliardi»

L'ex Presidente del Consiglio: «È arrivato finalmente il momento di dotarsi di uno strumento di intervento straordinario che vale per tutti: il titolo pubblico del debito pubblico europeo»

L'ex Premier, Romano Prodi
L'ex Premier, Romano Prodi ANSA

ROMA - «È arrivato il momento di mettere in atto un salto di solidarietà, di lanciare una strategia europea per impedire una crisi irreversibile che toccherà anche gli altri Paesi europei. La misura da prendere è l'emissione di Eurobonds, come strumento per raggiungere obiettivi comuni. Gli Eurobonds, da una parte sarebbero il segno della solidarietà, ma consentirebbero anche l'avvio della politica economica e della fiscalità a livello europeo che ancora non esistono». A spiegarlo è l'ex premier ed ex presidente della Commissione europea, Romando Prodi, in un'intervista alla «Stampa».

«Serve il titolo del debito pubblico europeo»

«Per un momento eccezionale servono risorse finanziarie eccezionali - spiega Prodi - un piano nell'ordine delle centinaia di miliardi, anche se non possiamo quantificarlo ora perché non sappiamo quanto precisamente durerà questa crisi e quale profondità avrà». Prodi sottolinea che «l'Europa politica non potrà mai decollare da una teoria, ma dai fatti! Se non capiamo che oggi l'Eurobond è legittimato politicamente, oltreché tecnicamente, quando lo capiremo? È arrivato finalmente il momento di dotarsi di uno strumento di intervento straordinario che vale per tutti: il titolo pubblico del debito pubblico europeo».

Von der Leyen: «Divieti di export verso paesi Ue sono nefasti»

La presidente della Commissione Ursula von der Leyen, con un videomessaggio in inglese, francese e tedesco, ha invitato gli Stati membri a condividere i dispositivi medici di protezione contro il coronavirus, eliminando gli attuali divieti di esportazione verso i paesi Ue, continuando a far funzionare il mercato unico, e a sottoporre invece a un regime di autorizzazione le esportazioni verso i paesi terzi. Von der Leyen ha inoltre annunciato che domani la Commissione avvierà appalti pubblici congiunti con gli Stati membri per l'approvvigionamento di kit di test e ventilatori polmonari, e presenterà linee guida ai governi nazionali sulle misure alle frontiere.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal