21 agosto 2019
Aggiornato 21:30
Crisi Mps

Mps, Dobank non presenta offerte e resta in gara solo Cerved

Il titolo del Monte dei Paschi vola in Borsa mentre si svolge il Cda della banca senese e registra un'impennata dell'11%. Ma Dobank non ha presentato offerte per Juliet, così in gara resta solo Cerved, una delle poche public company di Piazza Affari

MILANO - Milano conquista la maglia nera tra le principali borse europee con gli indici in territorio negativo mentre nel vecchio continente prevalgono i rialzi grazie al traino dei bancari. Fa eccezione il titolo di Mps, che ha registrato una forte impennata dell'11% tornando a testare la soglia dei 30 centesimi. Ma alla vigilia del round finale del negoziato per la dismissione delle sofferenze in pancia all'istituto non ci sono buone notizie, perché in gara resta solo Cerved.

Mps vola in Borsa mentre si svolge il Cda
A Piazza Affari l'indice Ftse Mib termina le contrattazioni con un calo dello 0,75% e sulla stessa linea il ftse all share. Tra i titoli principali in evidenza Mps che registra un forte rialzo dell'11% tornando a testare la soglia dei 30 centesimi (LEGGI ANCHE "Mps e quel misterioso aumento di capitale... ma chi mette i soldi?"). Elevati anche gli scambi con 258 milioni di pezzi passati di mano. La performance positiva riflette le attese dei mercati finanziari mentre è in corso il Cda dell'istituto, durante il quale l'amministratore delegato Marco Morelli farà il punto sul roadshow (LEGGI ANCHE "Mps sceglie Marco Morelli: ecco chi è il nuovo ad").

Dobank ha fatto un passo indietro
In generale, però, l'andamento del settore bancario è stato contrastato mentre le vendite hanno penalizzato il comparto delle utilities. Tuttavia, sul fronte della dismissione delle sofferenze in pancia all'istituto non ci sono buone nuove. Dobank, la società del gruppo Fortress, il primo operatore europeo per la gestione dei crediti deteriorati ha fatto un passo indietro. Non presenterà nessuna offerta per Juliet, il veicolo del Monte Paschi creato ad hoc per cercare di vendere al meglio i Npl. Dobank è la banca del recupero credito nata dalle ceneri della bad bank di Unicredit, Uccmb (UniCredit Credit Management Bank).

In gara resta solo Cerved
Poiché per l'acquisto di Juliet si erano fatti avanti solo Dobank e Cerved, non resta che quest'ultima in gara. Cerved è una delle poche public company quotata in Borsa a Piazza Affari. Mps dovrebbe cedere alla cartolarizzazione (cioè un'operazione finanziaria che consiste nella cessione a titolo oneroso di un portafoglio di crediti) gestita dal Fondo Atlante circa 9 miliardi di sofferenze, su un totale di 27 miliardi che si trovano nella pancia della banca senese (Il caso Mps e quell'incognita sul Fondo Atlante2: le casse di previdenza indietreggiano. E chi paga?"). E Cerved dovrebbe svolgere il ruolo di «special servicer», ovvero si occuperà della gestione dei flussi di pagamento, di eventuali sofferenze e del recupero di insoluti. Ma nulla è ancora dato per scontato: se Cerved svolgerà o meno questo incarico lo sapremo solo nelle prossime ore, a conclusione del board del Monte Paschi.