29 marzo 2020
Aggiornato 05:30
Crisi Mps

Mps, la Procura di Milano chiede l'archiviazione per Viola e Profumo per l'accusa di ostacolo alla vigilanza

I pm di Milano hanno chiesto l'archiviazione dell'indagine per ostacolo agli organi di vigilanza avviata contro l'ex amministratore delegato di Mps, Fabrizio Viola, e l'ex presidente dell'istituto di credito toscano, Alessandro Profumo

Ex amministratore delegato di Mps e Veneto Banca, Fabrizio Viola
Ex amministratore delegato di Mps e Veneto Banca, Fabrizio Viola ANSA

MILANO - I pm di Milano hanno chiesto l'archiviazione dell'indagine per ostacolo agli organi di vigilanza avviata contro l'ex amministratore delegato di Mps, Fabrizio Viola, e l'ex presidente dell'istituto di credito toscano, Alessandro Profumo. I due manager restano imputati insieme all'ex presidente del collegio sindacale, Paolo Salvatori, con le accuse di falso in bilancio e aggiotaggio per le presunte irregolarità nelle operazioni effettuate da Rocca Salimbeni tra il 2012 e il primo semestre 2015. La richiesta di archiviazione firmata dai pm Mauro Clerici e Stefano Civardi riguarda anche Banca Mps, coinvolta nell'indagine ai sensi della legge 231 sulla responsabilità amministrativa di società per reati commessi da propri dipendenti.

Le accuse contro Viola e Profumo
L'accusa di ostacolo agli organi di vigilanza (emersa a fine ottobre scorso dal prospetto Consob sul ritorno in Borsa dell'istituto) riguardava le presunte «mancate informazioni in ipotesi rilevanti per dirimere la questione della contabilizzazione delle operazioni Santorini e Alexandria». Un filone di indagine autonomo rispetto alla tranche principale (già approdata in fase di udienza preliminare) e scattato in seguito agli approfondimenti investigativi condotti dalla Procura Generale di Milano sulla presunta responsabilità amministrativa di Banca Mps nella contabilizzazione a bilancio dei derivati Alexandria e Santorini. Accertamenti che avevano spinto il sostituto procuratore generale Felice Isnardi (ora andato in pensione) a disporre una perizia tecnica.

Previsto il congelamento fino al 9 febbraio
Isnardi intendeva verificare quale impatto avrebbe avuto la contabilizzazione dei derivati Santorini e Alexandria sui bilanci di Mps compresi tra il 2012 e la prima semestrale 2015. Ma dagli accertamenti investigativi condotti negli ultimi mesi dai pm Clerici e Civardi non sono evidentemente emerse responsabilità penali attribuibili ai due manager. Il filone principale, quello che vede Profumo, Viola e Salvadori imputati per aggiotaggio e falso in bilancio, è attualmente in fase di udienza preliminare e resterà «congelato» fino al 9 febbraio prossimo. Un passaggio praticamente obbligato dopo che il gup Alessandra del Corvo ha dichiarato la nullità della richiesta di rinvio a giudizio formulata per Salvadori alla luce di un ritardo nell'iscrizione del reato di aggiotaggio contestato all'ex presidente del collegio sindacale di Mps.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal