22 gennaio 2020
Aggiornato 10:00
Convengo di Confindustria a Milano

Lavoro, Monti «bacchetta» Giavazzi

Il Premier ribadisce: Ognuno deve cedere qualche cosa. Ferma determinazione a chiudere entro marzo. Tutti mettano da parte visioni «particolari». Dopo la riforma faremo un road show dell'economia italiana. Dalla Fornero pronto testo incisivo, modifica articolo 18

MILANO - Ha parlato di una modifica immediata per l'articolo 18 il premier Mario Monti, oggi al convegno di Confindustria a Milano: ma l'ha fatto citando - per criticarlo - l'articolo di Francesco Giavazzi pubblicato oggi sul Corriere della sera. «Il ministro Fornero ha pronto un testo incisivo che prevede subito interventi volti a eliminare la segmentazione tra precari e lavoratori a tempo indeterminato e che modifica immediatamente l'articolo 18 per i nuovi assunti» ha detto Monti, leggendo il testo di Giavazzi. E poi ha continuando citando l'editorialista. «Su queste norme si gioca il futuro del governo e del paese. Se le pressioni corporative o i suoi colleghi ministri dovessero chiederle un passo indietro, Elsa Fornero dovrebbe, con lo stile e la determinazione che la caratterizzano...»
Qui il premier si è fermato: «è il punto più pregiato secondo me di tutto l'articolo» ha commentato suscitando risate e applausi dall'uditorio di Confindustria. Poi ha ripreso: «'colleghi ministri, o in translucido leggo anche «il suo presidente»... E poi ha finito di leggere l'editoriale: «che la caratterizzano, abbandonarli al loro destino».
Monti ha poi proseguito parlando a braccio: «Ebbene, temo che non possa abbandonarci al nostro destino il ministro Fornero, anche perchè martedì come preannunciato siederò al suo fianco per presiedere la riunione con le parti sociali e credo che sarà chiaro a tutti che il presidente del Consiglio prega il ministro del lavoro di avere ancora un po più presente l'interesse del futuro e l'interesse dei giovani e credo che riusciremo ad argomentare in modo che ciascuno capisca che se veramente teniamo al futuro, ognuno deve cedere qualche cosa rispetto al legittimo interesse di parte».
Monti ha inoltre bacchettato «l'amico e collega economista» Giavazzi per quelle che ha definito «imprecisioni» nell'editoriale di oggi sul Corsera e in altri suoi articoli.

Ferma determinazione a chiudere entro marzo - Per arrivare ad un'intesa sul mercato del lavoro ciascuno deve rinunciare a qualcosa e comunque la trattativa si chiuderà la prossima settimana. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Monti, durante una conferenza stampa. «Mi limito a dire che sì, il governo ha la ferma determinazione di concludere, come annunciato a suo tempo, entro fine marzo e che per definizione nelle trattative, per trovare una conclusione consensuale, è necessario che ciascuno rinunci ad alcune delle sue posizioni iniziali».

Tutti mettano da parte visioni «particolari» - Le parti sociali devono mettere da parte «visioni particolari», pure «legittime», ma che devono essere accantonate in nome dell'interesse generale ad avere un «nuovo modello di mercato del lavoro. La settimana prossima ci sarà la fase conclusiva, inevitabilmente con tensioni, di una trattativa che il Governo ha avviato con le parti sociali», una riforma che produrrà «un modello nuovo di mercato del lavoro e di ammortizzatori sociali».
«Sono sicuro - ha detto Monti - che queste forze sociali saranno improntate allo stesso spirito per il futuro dell'Italia la settimana prossima, superando visioni particolari che è legittimo avere», ma che vanno messe da parte.

Dopo la riforma faremo un road show dell'economia italiana - Se verrà approvata una buona riforma del mercato del lavoro, il governo farà dei «road show» all'estero per «presentare la maggiore attrattività dell'economia italiana».
«Se il ministro Fornero e voi parti sociali - ha detto Monti - mi portate un buon risultato per quanto riguarda il mercato del lavoro e gli ammortizzatori, io vorrò andare col governo e con tutte le parti sociali che ci vorranno accompagnare, in Germania, in Inghilterra e altrove, per fare un 'road show' industriale per presentare la maggiore attrattività dell'economia italiana». Una road show «non solo perché sarà modificato qualche articolo di qualche legge ma perché stiamo cercando di ammodernare tutto il sistema - ha osservato tra gli applausi Monti - Un mercato del lavoro più simile a quello dei paesi più avanzati e una solida misura contro la corruzione».

Da Fornero pronto testo incisivo, modifica articolo 18 - «Il ministro Fornero ha pronto un testo incisivo che prevede da subito interventi volti a eliminare la segmentazione tra precari e lavoratori a tempo indeterminato e che modifica immediatamente l'articolo 18 per i nuovi assunti. Su queste norme si gioca il futuro del governo e del Paese». Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Monti intervenendo al Convegno di Confindustria in corso a Milano.