8 agosto 2020
Aggiornato 22:30
Formula 1

Gp Austria: vince Bottas, la Ferrari è seconda con Leclerc

Le Mercedes hanno dominato, ma nel finale la Safety car ha riacceso i giochi: Hamilton penalizzato per un contatto con Albon chiude quarto e il ferrarista ha rimontato fino alla piazza d’onore

GP d’Austria con emozioni! Vince Bottas
GP d’Austria con emozioni! Vince Bottas ANSA

Bentornata Formula1. Il Gp d'Austria ripaga di tanta attesa con una gara entusiasmante vinta dalla Mercedes del finlandese Valtteri Bottas davanti ad un incredibile Charles Leclerc autore di due sorpassi capolavoro su Perez e Norris nel finale di gara che l'hanno proiettato sul podio. Ci ha pensato poi una sbavatura di Lewis Hamilton che arriva quarto per i 5 secondi di penalità dopo l'incidente con Albon. Penalità che proietta Leclerc al secondo posto e la McLaren di Norris al terzo per solo un decimo.

Alle spalle del campione del mondo ecco Sainz, Perez, Gasly, Ocon, Giovinazzi, Vettel (decimo in una gara complicata anche a causa di un testacoda), e Latifi. Costretto al ritiro nella parte iniziale della gara Max Verstappen a causa di un problema alla sua Red Bull.

Bottas: «Non c'era modo migliore per cominciare»

«Decisamente una gara con tanta pressione per me. Lewis ha avuto molte possibilità di superarmi, era molto veloce ma sono rimasto sul pezzo». Così Valtteri Bottas commenta la sua vittoria nel primo Gp di stagione, in Austria sul tracciato dello Spielberg. «Non c'era modo migliore di iniziare la stagione. Ci hanno detto di non sfruttare i cordoli per salvaguardare la macchina, sono contento di essere arrivato con entrambe le macchine ed essere in testa alla classifica costruttori».

Leclerc: «Forti mentalmente e torneremo»

Un fantastico doppio sorpasso su Perez e Norris nel finale di gara regala a Charles Leclerc il primo podio stagionale. Partito settimo il monegasco chiude secondo. «Abbiamo fatto tutto alla perfezione - commenta - abbiamo anche avuto fortuna con gli incidenti e la penalità di Lewis. Il passo per concludere in questa posizione non ce l'avevamo. Siamo ancora troppo lontani e non siamo dove volevamo essere. Dobbiamo essere forti mentalmente come team, torneremo dove vogliamo. Volevo essere aggressivo, faticavo dopo curva 1 e curva 3. Sapevo che se ci fosse stato un errore da parte di qualcuno, avrei potuto sfruttare il momento. Mi sono divertito».

I piloti inginocchiati contro il razzismo
I piloti inginocchiati contro il razzismo (ANSA)

Binotto: «Fantastico Leclerc, Seb poteva far meglio»

«Lo sapevamo, dovevamo gareggiare in difesa e dovevamo cercare di massimizzare il risultato. Il secondo posto è una bellissima sorpresa, nessuno se lo sarebbe mai aspettato. Leclerc ha fatto una bellissima gara con dei sorpassi fantastici». Mattia Binotto elogia Charles Leclerc dopo il secondo posto del monegasco al Gran Premio d'Austria.

«Contenti del secondo posto ma non scordiamoci dei problemi di prestazione - ha aggiunto il team principal della Ferrari ai microfoni di Sky -, c'è molto da fare e guardando alla prossima gara c'e' tanto da lavorare. Il decimo posto di Vettel? E' un peccato per i punti persi oggi con Sebastian, soprattutto in virtù dello zero della Red Bull. Vettel ha commesso un errore, diceva di non avere una macchina ben bilanciata e un pilota senza bilanciamento fa fatica a guidare. Ma oggi poteva far meglio».

Hamilton: «Ho dato tutto, ma accetto la penalità»

«Ho cercato di fare di tutto, ho preso Bottas ed è incredibile che ancora una volta ci sia stato un contatto con Albon. Per me è stato un incidente di gara ma accetto la penalità». Lewis Hamilton commenta così la penalizzazione di cinque secondi per la quale è stato retrocesso dalla seconda alla quarta posizione al termine del Gran Premio d'Austria.

«Non ho un sentimento particolare, la gara è finita e voglio solamente passare alla prossima - ha aggiunto il pilota britannico della Mercedes nel post gara -. Non è stato un gran weekend per me, anche in qualifica è stata totalmente colpa mia. E la penalità a inizio gara non mi ha destabilizzato, anzi: mi ha incoraggiato a fare una gara migliore», il riferimento alla retrocessione di tre posizioni sulla griglia di partenza.

Vettel: «Macchina difficile da guidare»

Delusione per Sebastian Vettel, decimo al Gp di Austria, prima prova del mondiale di Formula1. Il pilota tedesco, entrato in contatto con Sainz, ha fatto testacoda e perso alcune posizioni: «Sono contento di essermi girato solo una volta, oggi era difficile. Siamo arrivati vicini io e Carlos (Sainz, ndr) e si è spostato sull'interno, ho perso il posteriore e l'ho perso più volte oggi. Dobbiamo guardare bene la macchina perché è difficile da guidare. La Safety Car ci ha aiutato molto, ma non è il risultato che volevamo oggi».

I piloti inginocchiati contro il razzismo

«End racism»: tutti i piloti impegnati oggi nel Gp d'Austria di Formula1 hanno indossato una t-shirt nera prima del via del GP d'Austria, gara inaugurale del Mondiale 2020 di Formula 1. Molti i piloti che hanno scelto di inginocchiarsi per protestare contro razzismo e disuguaglianze, tra questi in prima fila Hamilton e Vettel.

Dissenso da parte di LeClerc sul gesto dell'inginocchiarsi: «Credo che quello che conta sono i fatti e i comportamenti nella nostra vita quotidiana piuttosto che gesti formali che possono essere interpretati come controversi in alcuni Paesi. Non mi inginocchierò ma questo non significa affatto che sia meno impegnato di altri nella lotta al razzismo», con questo tweet, a poche ore dal via del GP d'Austria, Charles Leclerc ha voluto precisare la sua posizione dopo alcune parole di Lewis Hamilton sui colleghi piloti e l'attenzione in merito al tema delle discriminazioni.