3 giugno 2020
Aggiornato 17:30
Calcio

Milan: ecco la prima sentenza

L'esordio in campionato ha spazzato via ottimismo e fiducia: allenatore, squadra e dirigenza sono già sulla graticola

Marco Giampaolo, allenatore del Milan
Marco Giampaolo, allenatore del Milan ANSA

MILANO - Il Milan visto a Udine nella prima giornata del nuovo campionato è apparso la brutta copia di quello «ammirato» a Cesena nell'ultima amichevole estiva, pareggiata 0-0 al cospetto di una neopromossa in serie C. E, se tanto dà tanto, contro una compagine di serie A è arrivata puntuale una sconfitta che nulla ha da eccepire per quanto mostrato in campo; da una parte c'era una squadra organizzata e con un tecnico normale, capace di schierare i suoi calciatori a seconda delle loro caratteristiche, dall'altra il Milan di Giampaolo.

Problemi

Confusione, assenza di personalità, mancanza di ricambi in panchina: i rossoneri sono apparsi peggio di quelli del pre campionato, peggio ancora del tanto vituperato, insultato e criticato Milan di Gattuso, cacciato a pedate per far posto a Mastro Giampaolo che è riuscito nell'impresa di giocare peggio di quel Milan che agli occhi degli esteti era un insulto al calcio e che è arrivato ad un punto dal quarto posto. Vedremo se l'ex tecnico della Sampdoria (due decimi ed un nono posto a Genova il suo strabiliante resoconto degli anni in blucerchiato) sarà in grado di fare meglio.

Critiche

Logico che, mentre Boban e Maldini continuano ad assicurare che questo club abbia ambizioni importantissime, la gente sia sconcertata e furiosa dopo una prestazione come quella dello stadio Friuli. E' solo la prima giornata, dice qualcuno sui social network, ma il tifoso milanista è ormai esasperato e questo la società doveva saperlo; ora le sentenze sono spietate anche dopo un solo turno di campionato. Al Milan mancano i leader, a cominciare dall'allenatore, scrive qualcun altro, e le stilettate a Giampaolo sono pesanti, forse anche più di quanto il tecnico di Giulianova meriti. Ma è normale che dopo 7 anni di disastri, oggi nessuno perdoni niente a nessuno. L'ex calciatore Eraldo Pecci, ospite della Domenica Sportiva, ha così analizzato Udinese-Milan: «Ho visto lo stesso Milan dell'anno scorso, ma senza grinta». Una chiosa perfetta per descrivere una squadra (ed un club) nel caos più totale.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal