16 dicembre 2018
Aggiornato 05:00

Hamilton incontentabile: conquista la pole anche ad Abu Dhabi

Il britannico precede Bottas e le due Ferrari. Vettel terzo fiducioso: «In gara mi divertirò»

Valtteri Bottas, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel
Valtteri Bottas, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel (ANSA)

ABU DHABI - Lewis Hamilton partirà in pole position domani nel Gp di Abu Dhabi, gran premio conclusivo del Mondiale di Formula 1. Per il Britannico fenomenale 1'34:794. Il Campione del Mondo scatterà al palo per l'undicesima volta in stagione davanti al compagno di squadra Valtteri Bottas che chiuso in 1'34:956. Seconda fila Ferrari con Vettel (1'35:125) davanti a Raikkonen (1'35:365). Terza fila con le due Red Bull di Ricciardo (1'34:401) e Verstappen (1'35:589). Poi la top ten si chiude con Grosjean, Leclerc, Ocon e Hulkenberg.

Hamilton: «Secondo giro perfetto»
«Non è stato tanto perfetto il mio primo giro, mentre nel secondo sono stato perfetto e ho ammazzato tutti e non è facile passare così da un giro all'altro». Undicesima pole position della stagione per Lewis Hamilton che anche domani partirà davanti a tutti a Yas Marina per il Gp di Abu Dhabi.
«È davvero una grande sensazione per me fare la pole con questa macchina perché le montagne russe affrontate con questa monoposto mi hanno avvicinato anche emotivamente a lei più di ogni altra macchina che ho avuto in passato. Non è sempre stato semplice, ma è un vero privilegio aver lavorato con questa macchina, questo team e questi meccanici: il loro lavoro e la dedizione messa, compresa quella dei ragazzi in fabbrica mi hanno spinto in tante circostanze. Averne una? Credo che una di queste Mercedes entrerà nel museo della storia delle corse a Stoccarda e poi una non ci starebbe nel mio appartamento: è troppo piccolo...».

Vettel fiducioso: «In gara mi divertirò»
Sebastian Vettel ritrova il sorriso dopo il terzo posto in qualifica a Yas Marina: «Per la gara resto fiducioso, è lunga e dovrei divertirmi - dice Seb -, anche se qui in qualifica potevamo essere più vicini. In Q1 lo eravamo; in Q2 Lewis ha fatto un giro pazzesco con le gomme più dure; in Q3 credo che loro avessero più margine per l'ultimo tentativo e Lewis è stato bravo: con lui si lotta in pista, ma non vedo perché fuori non si possa parlare o scherzare. Quest'anno io mi sono divertito, ma lui più di me e non vedo l'ora di salire sulla mia vettura per chiudere al meglio la stagione».