16 dicembre 2018
Aggiornato 12:30

Milan: i nomi nuovi per il centrocampo

Non solo Paredes nel taccuino di Leonardo e Maldini che a gennaio dovranno intervenire pesantemente per colmare le lacune nell'organico di Gattuso

Lucas Biglia: il Milan dovrà fare a meno di lui per i prossimi 4 mesi
Lucas Biglia: il Milan dovrà fare a meno di lui per i prossimi 4 mesi (ANSA)

MILANO - Il Milan va verso un gennaio caldissimo, non tanto per quanto riguarda il meteo, quanto per il lavoro serrato che la dirigenza rossonera dovrà affrontare in sede di calciomercato quando ci saranno da puntellare tutte le zone del campo milanista, porta esclusa. Difesa, centrocampo ed attacco, infatti, andranno necessariamente puntellati perchè dietro sono rimasti i soli Romagnoli e Zapata, con Musacchio fuori almeno fino a gennaio inoltrato e Caldara con anche un mesetto di convalescenza in più dell'argentino, e l'esigenza di Paolo Maldini e Leonardo di intervenire con almeno un elemento che rinforzi numericamente e qualitativamente la rosa di Gattuso. Idem in attacco dove col passaggio quasi definitivo al modulo con due punte, i soli Higuain e Cutrone come centravanti non sembrano sufficienti ad affrontare campionato, Coppa Uefa e Coppa Italia.

IL PREFERITO - E poi c'è il centrocampo, dove il perno della mediana Lucas Biglia ne avrà per 4 mesi dopo l'operazione al polpaccio e dove Bakayoko, nonostante gli ultimi miglioramenti, non sembra in grado di sostituire l'argentino, così come José Mauri e Bertolacci, e così come l'ex capitano Montolivo, reintegrato in organico ma pur sempre ai margini dell'undici titolare di un Gattuso che chiede alla dirigenza uno sforzo per non trovarsi col centrocampo sguarnito ed impoverito dall'ecatombe che ha colpito il Milan in questa prima parte di stagione. Il nome più in voga per la regia milanista è quello di Leandro Paredes dello Zenit San Pietroburgo: l'argentino è ormai in rotta col club russo e tornerebbe volentieri in Italia dove ha ben figurato con Empoli e Roma, ma per strapparlo alla lega sovietica ci vogliono almeno 30 milioni di euro.

AL LAVORO PER GENNAIO - Oltre a Paredes, Maldini e Leonardo seguono con interesse anche Stefano Sensi del Sassuolo, ma appare assai difficile che gli emiliani lascino partire il loro centrocampista a metà campionato, così come complicato è che il Torino molli a gennaio Daniele Baselli, altro elemento che a Milanello piace discretamente. Infine c'è Seko Fofana dell'Udinese che è appena rientrato da un infortunio e che potrebbe far comodo a Gattuso anche se con caratteristiche differenti da Biglia e dunque lasciato come ultima ed estrema soluzione da un Milan che dopo Natale dovrà pesantemente intervenire in un calciomercato forse ancora più scoppiettante di quello estivo.