16 gennaio 2019
Aggiornato 17:30

Milan a caccia di un difensore: tutti i nomi per gennaio

L’infortunio di Caldara (fuori almeno tre mesi) costringe la società rossonera a tornare sul mercato invernale per reperire un rinforzo nel reparto arretrato

Leonardo de Araujo, direttore tecnico del Milan: a lui il compito di rinforzare la squadra a gennaio
Leonardo de Araujo, direttore tecnico del Milan: a lui il compito di rinforzare la squadra a gennaio ANSA

MILANO - Una tegola che davvero non ci voleva quella legata a Mattia Caldara, alle prese con l'ennesimo infortunio di un 2018 davvero malefico per il difensore rossonero, già bersagliato da problemi fisici nella seconda parte della scorsa stagione quando vestiva ancora la maglia dell'Atalanta e bloccato all'inizio di quest'anno prima da un fastidio alla schiena, poi da un principio di pubalgia e infine da questo strappo al gemello mediale del polpaccio che lo terrà fermo per tre mesi con arrivederci al 2019 per l'esordio a San Siro con la maglia del Milan, indossata finora solamente nella trasferta di coppa in Lussemburgo contro il Dudelange lo scorso 20 settembre. Detto che Caldara probabilmente prima di febbraio non sarà al 100% per riprendere l'attività agonistica ed essere finalmente lanciato accanto ad Alessio Romagnoli per quella che sulla carta è la coppia difensiva del futuro rossonero ma anche della nazionale italiana, il Milan sta pensando seriamente di tornare pesantemente sul mercato a gennaio per trovare un difensore in grado di coprire il buco lasciato dall'ex atalantino.

Sostituti
I nomi sul taccuino di Leonardo e di Paolo Maldini sono tre, due dei quali brasiliani: il primo è un vecchio pallino milanista, ovvero quel Rodrigo Caio del San Paolo (classe 1993) già in passato accostato al Milan ma mai realmente trattato dalle vecchie dirigenze; poi c'è il figliol prodigo Thiago Silva che più volte ha espresso il desiderio di poter tornare a Milano e che, grazie anche ai fraterni rapporti con Leonardo, potrebbe riprendere la strada verso l'Italia, nonostante il brasiliano dovrebbe convincere il Paris Saint Germain a lasciarlo andare a metà stagione, ammesso che lui stesso decida di tornare seccamente al Milan a gennaio. Infine il difensore montenegrino dell'Atletico Madrid, Stefan Savic: l'ex calciatore della Fiorentina (classe 1991) interessa anche alla Roma ed è in uscita dalla Spagna dove trova poco spazio (appena 4 presenze finora in stagione con la squadra di Simeone). Tre soluzioni e tre storie diverse fra di loro, ma tutte potenzialmente idonee al caso di un Milan alla ricerca di un difensore per gennaio che completi, numericamente e qualitativamente, un reparto improvvisamente scarno.