16 luglio 2019
Aggiornato 13:30

Torino-Borini: la situazione

L'attaccante del Milan piace ai granata, pronti all'offensiva concreta

Fabio Borini, attaccante del Milan
Fabio Borini, attaccante del Milan ANSA

MILANO - La campagna acquisti del Milan è pronta a prendere forma, così come quella del Torino: entrambe le compagini sono desiderose di migliorare le rispettive posizioni dell'ultimo campionato, coi rossoneri che puntano ai primi 4 posti della serie A ed i granata che vorrebbero attaccare almeno il sesto posto per avvicinare quella qualificazione europea che manca da tre stagioni. Sull'asse Milano-Torino, poi, si sta lavorando ad un'operazione che porterebbe in granata Fabio Borini, attaccante esterno che il Milan ha utilizzato poco ma in diversi ruoli nel campionato passato, con l'ex romanista autore di due reti contro Spal e Verona. Borini piace molto a Walter Mazzarri, tecnico del Torino, per duttilità tattica e grinta, qualità che l'allenatore toscano richiede e pretende da tutti i suoi calciatori, oltre al fatto che a Torino resta in bilico la posizione di un altro ex milanista come M'Baye Niang.

Volontà congiunte

Il Milan, del resto, non si opporrebbe ad una cessione di Borini che è stato riscattato dal Sunderland per 6 milioni di euro, con lo stesso calciatore che non disdegnerebbe la soluzione granata. Colloqui ufficiali fra i due club non ci sono ancora stati, ma l'impressione è che il Torino presto o tardi si farà vivo coi rossoneri e che la trattativa possa andare in porto rapidamente, con le parti già convinte di un'operazione che, a conti fatti, sarebbe salutare per tutti: il Milan raggranellerebbe qualche soldino per un giocatore destinato a fare quasi solo panchina, il Torino avrebbe un elemento dalla caratteristiche giuste per Mazzarri, lo stesso Borini potrebbe confrontarsi in una dimensione in cui lottare anche per il posto da titolare. A piccoli passi, il calciomercato di Milan e Torino inizia a muoversi e potrebbe improvvisamente ritrovarsi congiunto.