24 giugno 2019
Aggiornato 16:00

Quando il Milan di Sacchi non riusciva a vincere a Torino

La gara contro i granata riporta alla mente un particolare bizzarro dei tempi in cui il tecnico di Fusignano allenava i rossoneri

Arrigo Sacchi, allenatore del Milan dal 1987 al 1991
Arrigo Sacchi, allenatore del Milan dal 1987 al 1991 ( ANSA )

TORINO - C'è Torino-Milan allo stadio Comunale, una delle classiche della serie A, la sfida tra due delle squadre più storiche, amate e blasonate del calcio italiano. I granata di Mazzarri arrivano alla sfida con la quasi certezza di non poter più raggiungere la qualificazione in Coppa Uefa, mentre i rossoneri di Gattuso quella qualificazione vogliono chiuderla a doppia mandata, blindarla fino all'ultima giornata di un campionato che per entrambe le compagini si sta rivelando meno brillante di quanto sperato all'inizio. Il fascino, però, nel capoluogo piemontese sarà lo stesso di sempre, lo stesso degli anni d'oro delle due squadre.

Amarcord

Come quando il Milan era la squadra più forte d'Europa e in panchina c'era Arrigo Sacchi, l'uomo che riportò in cima al mondo i rossoneri vincendo uno scudetto, due Coppe Campioni di fila ed una serie interminabile di supercoppe. Eppure, a Torino il Milan di Sacchi non ha mai vinto, un particolare curioso che forse non salta all'occhio elencando gli straordinari successi di quella squadra, ma oggi, alla vigilia della sfida in casa dei granata, questa statistica qualche tifoso rossonero la ricorderà. Nella stagione 1987-88, la prima di Sacchi al Milan, quella dello scudetto numero 11 strappato al Napoli il 1 maggio 1988, la compagine milanista al Comunale pareggiò 1-1 con la rete di Carlo Ancelotti a riprendere il vantaggio torinista di Bresciani; l'anno successivo, nonostante la stagione travagliata del Torino, culminata con la retrocessione in serie B, il Milan non riuscì ad espugnare la Torino granata: la gara finì 2-2 con la doppietta di Marco Van Basten a riprendere quella del brasiliano Muller. Dopo l'anno in purgatorio in serie B, il Torino tornò in A nella stagione 1990-91: 1-1 nel nuovo Delle Alpi, vantaggio granata col futuro milanista Lentini, pareggio di Paolo Maldini al 90' dopo un dominio indicibile di un Milan che chiuderà la fantastica parabola di Arrigo Sacchi al termine di quella stagione, col piccolo e forse poco significativo record di non aver mai vinto in casa del Torino. Fra tanti primati, l'allenatore di Fusignano annovera anche questo, probabilmente il più insignificante, certamente iuno dei più curiosi considerando le potenzialità di quel Milan, senza dubbio la più forte di ogni epoca.