3 agosto 2020
Aggiornato 16:30
Calcio

Milan: le insidie di un calendario ad ostacoli

La rincorsa dei rossoneri al quarto posto prosegue, ma il cammino verso la Coppa Campioni è irto di scogli

Il Milan va a caccia del quarto posto in campionato
Il Milan va a caccia del quarto posto in campionato ANSA

MILANO - I tifosi del Milan sono ormai un fiume di passione verso la squadra rossonera allenata da Gennaro Gattuso che da quando è diventato allenatore milanista al posto di Vincenzo Montella lo scorso 27 novembre ha ridato vita ad una compagine che vivacchiava a centro classifica, vincendo una partita qua e là e perdendo regolarmente tutti gli scontri diretti contro le rivali per un posto in Europa. Montella ha recentemente ammesso di aver commesso qualche piccolo errore da allenatore del Milan, ma che gli andava dato ancora tempo per assemblare un gruppo tutto nuovo.

Fretta

Ebbene, ciò che manca al Milan è proprio il tempo: i rossoneri hanno perso troppe occasioni e soprattutto troppi punti per potersi ora permettere di valutare questo o quell'impegno, di scegliere, di far ruotare i calciatori; il Milan deve vincere, sempre, anche perchè la classifica parla chiaro: la rimonta milanista ha prodotto risultati entusiasmanti, i rossoneri in campionato nel 2018 sono ancora imbattuti, hanno conquistato quasi gli stessi punti della Juventus capolista, ma sono sempre lì, a distanza non minima da quel quarto posto che appena sotto Natale appareva un miraggio. Il Milan vince, ma la qualificazione in Coppa dei Campioni dista sempre 5 punti, seppur col derby ancora da giocare.

Calendario

E una mano alla truppa di Gattuso non sembra darla nemmeno il calendario che da qui al prossimo mese appare una corsa ad ostacoli che potrebbe far inciampare Bonucci e compagni, spegnendo quel sogno inseguito da tutto il popolo rossonero. Intanto, alla ripresa del campionato, il Milan farà visita alla Juventus che sabato a Ferrara non ha brillato ma che difficilmente sbaglia due partite consecutive; come se non bastasse il proibitivo impegno di Torino, ecco che i rossoneri danno un'occhiata al calendario e scoprono che le rivali hanno gare alla portata, la Roma a Bologna e l'Inter in casa col Verona. Passata la Pasqua ci sarà il derby proprio contro i nerazzurri, probabilmente decisivo per capire le reali ambizioni della squadra di Gattuso, chiamata poi in rapida successione ad ospitare il Sassuolo a San Siro (con gli emiliani impegnati nella lotta salvezza) e a ricevere il Napoli che certo voglia di fare una gita domenicale non ne avrà, vista la rincorsa scudetto dei partenopei. Le successive sfide contro Torino, Benevento, Bologna, Verona, Atalanta e Fiorentina potrebbero essere più agevoli, ma il mese a cui ora va incontro il Milan sarà quasi sicuramente quello che ne determinerà il piazzamento finale e non appare certo un cammino semplice per una squadra in salute ma pur sempre al galoppo dallo scorso 1 luglio.