31 ottobre 2020
Aggiornato 19:30
Calcio | Nazionale

Gioia Milan: Conti al rientro, ora c’è la data

Dopo i primi allenamenti in gruppo e le prime convocazioni al seguito della prima squadra, per Andrea Conti è arrivato il momento di tornare finalmente al calcio giocato.

MILANO - Sono stati mesi duri per Andrea Conti, 6 mesi duri per l’esattezza, ma adesso finalmente quella flebile luce che si vedeva in fondo al tunnel sta per diventare un bel sole caldo e rassicurante. Dopo i primi allenamenti con la squadra, prima solo il risveglio atletico, poi le intere sedute, l’esterno proveniente dall’Atalanta è pronto a tornare al calcio giocato. Con tutta la cautela del caso, per carità, ma è arrivato il momento del test tanto atteso non solo dal calciatore ma anche da tutto il popolo rossonero che ha sofferto in silenzio per l’infortunio di Conti e ha seguito con trepidante partecipazione ogni singolo miglioramento del ragazzo in questi mesi.

Test Primavera
Se tutto dovesse continuare ad andare per il verso giusto, dopo le prime convocazione - solo formali - con la prima squadra, Andrea Conti è finalmente pronto a scendere in campo. Il gran giorno è sabato, quando la squadra Primavera del Milan, sotto la guida di mister Lupi, affronterà la Lazio. Si tratterà di un test probante per verificare la stabilità del ginoccio operato, ma soprattutto le condizioni generali del terzino rossonero dopo uno stop così lungo. 

Obiettivo Juventus
In caso di responso positivo non è esclusa una convocazione, stavolta non più formale, per il big match del 31 marzo, quando il Milan di Gattuso sarà chiamato a sfidare all’Allianz Stadium la Juventus campione d’Italia, in un’anteprima di quella che poi sarà la finale di Coppa Italia tra le due squadre. 
Importante però che, complice l’entusiasmo sempre crescente, non si finisca per affrettare i tempi e andare incontro a qualche brutta ricaduta come la storia recente dei vari Florenzi, Strootman e Ghoulam ci racconta. Il Milan ha bisogno di Andrea Conti e Andrea Conti ha bisogno di ricominciare a giocare con la maglia del Milan, ma è indispensabile che il terzino azzurro rientri al momento giusto. In questi casi è fondamentale la pazienza.