23 aprile 2024
Aggiornato 01:30
Calcio

Milan: occhi sul talento della serie B che si ispira a Bonucci

Il club rossonero è attento a ciò che potrebbe accadere in estate e non trascura neanche le promesse del torneo cadetto

Marco Varnier, difensore del Cittadella classe 1998
Marco Varnier, difensore del Cittadella classe 1998 Foto: ANSA

MILANO - Il Milan rinvigorito dalla gestione di Gennaro Gattuso è in corsa su tutti i fronti, dal campionato alla Coppa Uefa, passando per la Coppa Italia che potrebbe qualificare i rossoneri alla finale. Gli impegni sono tanti e gli obiettivi importanti per una società che sta compiendo i primi passi per tornare grande e rivivere epopee ormai sopite da anni, ma che il club desidera riportare a Milanello. Motivo per il quale, mentre Gattuso e i suoi ragazzi, pedalano e sudano in allenamento per preparare al meglio le partite del prossimo mese, decisive per capire dove potrà arrivare la squadra, la società tiene gli occhi aperti sul calciomercato che a giugno dovrà essere utilizzato per rinforzare l’organico milanista.

Nomi nuovi

La campagna acquisti del Milan non sarà faraonica come quella della scorsa estate nella quale vennero spesi quasi 250 milioni di euro, ma sarà finalizzata ad arrivare a quegli elementi funzionali al progetto tecnico e che possano innalzare il livello della compagine rossonera. Un occhio particolare, poi, Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli lo getteranno sui giovani talenti italiani che potranno costituire l’ossatura del Milan anche negli anni futuri, rinfrescare la rosa e costituire un gruppo solido nel tempo. Uno di questi nomi è quello di Marco Varnier, difensore in forza al Cittadella in serie B e considerato uno dei talenti più fulgidi del campionato cadetto; classe 1998, Varnier sta stupendo tutti per efficacia ed eleganza, guida della difesa veneta nonostante i 20 anni ancora da compiere, tanto da attirare l’attenzione dell’Atalanta (che difficilmente si fa sfuggire la visione di qualche promessa anche nelle categorie inferiori alla serie A) e dell’Inter che ha inviato a Cittadella diversi osservatori che hanno poi stilato ottime relazioni a Spalletti e alla dirigenza.

Strategia rossonera

E poi c’è il Milan che nelle ultime settimane ha raccolto informazioni e visionato Varnier rimanendone affascinato; gli ottimi rapporti col Cittadella, inoltre, potrebbero avvantaggiare i rossoneri in un’eventuale trattativa, facendo leva anche sul calciatore stesso che ha più volte confessato di ispirarsi alle movenze di Leonardo Bonucci, idolo del giovanissimo difensore veneto e, chissà, futuro compagno di squadra. Quale molla migliore potrebbe scattare nella testa di Varnier se non quella di allenarsi e ricevere consigli e protezione proprio dal suo mito calcistico? La concorrenza è alta, viste le ottime prestazioni del difensore, ma il Milan può forse contare sulla presenza del suo capitano e la volontà di Varnier di sedere fianco a fianco al suo idolo; in fondo, perché non tentare anche questa carta?