15 novembre 2019
Aggiornato 01:30

Milan, Suso vola basso: «Importante non perdere con la Juve»

Il protagonista della vittoria rossonera contro il Chievo è intervenuto in conferenza stampa per commentare il momento del Milan alla vigilia del delicato match contro la Juventus in programma sabato a San Siro. Non hanno convinto però le dichiarazioni dello spagnolo sull’obiettivo: «Importante non perdere».

L'attaccante spagnolo del Milan Suso
L'attaccante spagnolo del Milan Suso ANSA

MILANO - Il Milan sta vivendo un momento complicato, è innegabile, ma dal suo elemento di punta, protagonista indiscusso del successo conquistato ieri sera al Bentegodi di Verona sul campo del Chievo, ci si aspetterebbe un pizzico in più di sana arroganza. Sabato pomeriggio i rossoneri saranno i protagonisti del big match dell’undicesima giornata di campionato, al cospetto dei campioni d’Italia della Juventus che scenderà a San Siro per continuare l’inseguimento al Napoli capoclassifica.
La squadra di Allegri però sembra tutt’altro che imperforabile quest’anno, anzi. La sua difesa, orfana nel neo capitano del Milan Bonucci, fa acqua da tutte le parti. Per informazioni, andate a riguardare nel dettaglio le ultime due vittorie juventine in campionato contro Udinese e Spal: 3 gol subiti e soprattutto una sensazione diffusa di vulnerabilità di cui il Milan dovrà approfittare.

Importante non perdere
Proprio per questo le dichiarazioni di Suso nella conferenza stampa di oggi  hanno destato un po’ di sano stupore negli astanti: «Penso che loro sono più forti di noi, altrimenti gli saremo davanti. A San Siro con le piccole dobbiamo vincere, con le grandi invece può succedere di tutto. Penso che sabato contro la Juve non dobbiamo perdere, altrimenti diventa troppo difficile».

Un po’ di sana arroganza
Ora, va bene che la sfacciataggine alla vigilia di un match così delicato non porta mai bene, ma anche mostrarsi così arrendevoli di fronte agli avversari può apparire come un’ammissione di inferiorità. Il Milan non può affrontare certe partite sperando di non perdere, non deve essere questo l’atteggiamento di una squadra che ambisce ad arrivare tra i primi quattro in serie A.
Suso sarà anche un grandissimo calciatore, probabilmente il più talentuoso in forza al Milan attualmente, ma dal punto di vista dialettico forse deve ancora imparare tanto. La speranza è che qualcuno glielo faccia notare prima di sabato, perchè va bene cercare di non perdere, ma la Juventus sabato va battuta altrimenti le concorrenti per un posto in Champions se ne vanno.