28 maggio 2020
Aggiornato 20:30
Calcio | Milan

Milan: può bastare solo il cuore?

Lo 0-0 col Genoa ha mostrato volontà e grinta dei rossoneri che delimitano però evidenti limiti tattici non ancora risolti da Montella

Una fase di gioco di Milan-Genoa 0-0
Una fase di gioco di Milan-Genoa 0-0 ANSA

MILANO -  Il Milan non ingrana, resta in crisi e la classifica piange con una rincorsa al quarto posto ormai ridicola anche solo da pronunciare. Contro il Genoa c’è stata certamente la giustificazione dell’espulsione di Leonardo Bonucci che ha costretto i rossoneri a giocare in dieci uomini quasi l’intera gara e Vincenzo Montella a rivedere tutti i suoi piani, eppure qualcosa nella formazione milanista proprio non gira. Come nel derby, infatti, la reazione alle negatività c’è stata ed è stata anche apprezzata dai tifosi, ma è stata una spinta dettata dall’emotività, dalla volontà di crederci e di non arrendersi, una voglia tutto cuore e zero organizzazione, tanta corsa e poco cervello.

Il Milan nel secondo tempo ha provato a vincere la partita, esponendosi pure al rischio di perderla, ma le azioni create dai rossoneri sono state esclusivamente frutto dei lampi dei calciatori più ispirati (cioè di Suso) o della determinazione dei combattenti (vedi Borini), ma nessun segnale di un’organizzazione tattica e di schemi collaudati, anche perché Montella continua a cambiare modulo ad ogni partita, continua a cambiare posizione ai suoi calciatori e continua a ritenere che tutto vada bene e che la sua squadra sia sempre impeccabile. Di questo passo, al netto degli episodi contrari che pure non mancano, di strada il Milan ne farà veramente poca.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal