18 ottobre 2019
Aggiornato 15:00

Milan, si complica l’affare Biglia con la Lazio

Notizie poco confortanti sul fronte laziale del mercato rossonero: l’affare Biglia che sembrava in dirittura d’arrivo è invece pericolosamente a rischio a causa dell’eccessiva richiesta del presidente Lotito. Secondo Milan Tv la differenza tra domanda e offerta è ancora maggiore di quello che si legge sui giornali.

Il regista argentino Lucas Biglia
Il regista argentino Lucas Biglia ANSA

MILANO - Nella giornata di ieri avevamo anticipato una fumata bianca che invece sembra piuttosto ancora lontana. Malgrado la troppo ostentata fiducia riguardo il buon esito della trattativa che dovrebbe portare Lucas Biglia dalla Lazio al Milan, le parti paiono ancora lontane in maniera significativa. A fotografare questo nuovo scenario è proprio il canale tematico del club di via Aldo Rossi, Milan Tv, secondo lui «la discrepanza tra domanda e offerta è anche superiore rispetto a quello che riportano gli organi di informazione».

10 milioni di differenza
Ricordiamo che il trentunenne regista argentino, in scadenza di contratto giugno 2018, ha già il completo accordo con la dirigenza rossonera, un triennale da 3,5 milioni di euro a stagione, ma è Claudio Lotito al momento a rappresentare l’ostacolo più impervio. Il presidente della Lazio sembra irremovibile dalla sua richiesta di 25 milioni, come se il contratto in scadenza tra 12 mesi e soprattutto la carta d’identità di Biglia non significassero nulla. Il Milan invece pare disposto a non superare i 15 milioni, da qui una sostanziale differenza di 10 milioni tra domanda e offerta. È lecito pensare che da qui alle prossime settimane, magari grazie all’intermediazione dello stesso calciatore, si proverà ad arrivare a un accordo, ma al momento le parti sono ancora lontane.