14 novembre 2019
Aggiornato 18:30

Murray batte Djokovic e resta numero 1

Il verdetto è che a vincere il Masters 2016 è stato Andy Murray, che in finale ha sconfitto per 63 64 il rivale di sempre Djokovic. Grazie al titolo conquistato (il primo al Masters in otto partecipazioni) chiuderà l'anno al numero uno del ranking mondiale.

LONDRA - «The Perfect Finish». Così titolava il daily news che si poteva ritirare all'ingresso della O2 Arena, teatro dell'atto conclusivo delle ATP World Tour Finals di Londra. Il verdetto è che a vincere il Masters 2016 è stato Andy Murray, che in finale ha sconfitto per 63 64 il rivale di sempre Djokovic. Grazie al titolo conquistato (il primo al Masters in otto partecipazioni) chiuderà l'anno al numero uno del ranking mondiale. Non era mai accaduto nelle 47 edizioni precedenti che la finale del Masters vedesse i due sfidanti, nel nostro caso Andy e Nole, giocarsi molto di più del rango di «maestro» della stagione. In palio c'era la prima posizione mondiale. E' successo nell'ultimo incontro del circuito maschile di questo folle 2016, prima dominato dal serbo, poi passato nelle mani del coetaneo britannico, che dopo la sconfitta nei quarti degli US Open aveva deciso di non perdere più mettendosi dietro il rivale due settimane fa a Parigi-Bercy.

Non c'era spazio per calcoli
Davanti ai 17.800 spettatori (quasi tutti dalla parte dell'eroe di casa Brit) dell'O2 Arena è andata in scena la resa dei conti, quella che il pubblico londinese e tutti gli appassionati avevano sognato dal primo giorno di questo Masters. Un finale come nei migliori gialli di Agatha Christie, visto che siamo in Gran Bretagna. Non c'era più spazio per calcoli, punti, discussioni: il vincitore del titolo avrebbe chiuso l'anno da n.1 del mondo.