14 ottobre 2019
Aggiornato 13:00

Vertice di mercato tra Milan e Barcellona: sul piatto Turan e Vermaelen

Summit tra Adriano Galliani e Ariedo Braida nella giornata di ieri a Barcellona. Sul piatto argomenti di carattere logistico-amministrativo ma anche mercato. Ad interessare il Milan sono soprattutto due calciatori blaugrana: il difensore Vermaelen e il fantasista Arda Turan.

MILANO - Ecco, adesso alla stregua di una provinciale qualunque ricomincia la richiesta di elemosina ai principali club europei come è accaduto in maniera ripetuta e ossessiva negli ultimi anni. È stato questo il primo pensiero dei tifosi milanisti nell’apprendere della spedizione di Galliani a Barcellona per incontrare il vecchio compagno d’armi Ariedo Braida. 

2 nomi, non 4
A maggior ragione dopo aver ascoltato le prime voci che hanno iniziato a circolare sul meeting catalano: un fitto colloquio di mercato basato su diversi calciatori blaugrana, il difensore belga Vermaelen, l'esterno Tello, visto nel corso della passata stagione alla Fiorentina, il terzino Adriano, già nel mirino della Lazio e per finire di Arda Turan, trequartista turco acquistato nemmeno 12 mesi dall’Atletico Madrid per la somma spropositata di 33 milioni di euro.

No a Tello e Adriano
Vale la pena fare un po’ di chiarezza sulla faccenda. Prima di tutto Galliani era a Barcellona per parlare di questioni di carattere logistico-amministrativo, vista la presenza in Catalogna anche di Umberto Gandini. Inevitabile che tra vecchi amici si sia parlato anche di mercato ma sono da considerarsi assolutamente inopportune le voci sul terzino Adriano che, con Abate, De Sciglio, Calabria, Vangioni e Antonelli già a Milanello, arriverebbe a fare il sesto esterno di difesa. Così come quelle riguardanti l’attaccante Tello che tra l’altro ha preso subito le distanze da queste indiscrezioni ribadendo la ferma  volontà di restare in viola.

Si a Vermaelen…
Gli unici nomi che potrebbero realmente servire al Milan e al suo allenatore Vincenzo Montella sono quelli di Vermaelen e di Arda Turan. Il belga è un esperto difensore centrale reduce da una disastrosa stagione al Barcellona e per questo desideroso di riscatto. Vista la penuria di centrali di ruolo affidabili a Milanello è possibile che Galliani tenti l’affondo indipendentemente dalla riuscita dell’operazione Musacchio (previsto nella giornata di oggi un incontro decisivo a Valencia tra l’ad rossonero e la dirigenza del Villarreal).

…e a Arda Turan
Per quanto riguarda il fantasista turco, anche lui viene da una stagione difficile, culminata con un europeo da dimenticare per lui e per la sua nazionale. Il suo talento però è innegabile, l’abbiamo visto nelle sue annate all’Atletico Madrid, e quindi un tentativo di recupero non sarebbe così insensato. Magari un accordo sulla base di un prestito con diritto di riscatto potrebbe soddisfare entrambi i club: il Milan che così avrebbe a disposizione un ottimo calciatore da rilanciare e il Barcellona che così rivalorizzerebbe un patrimonio attualmente dimezzato.