28 settembre 2021
Aggiornato 19:00
Il pilota spagnolo a cuore aperto

Alonso perdona la Ferrari. E pensa al ritiro

Dichiarazioni importanti quelle rilasciate dal campione asturiano negli ultimi giorni: «La Ferrari ha fatto tutto giusto e l'anno prossimo potrà tornare a vincere. Ma io non mi pento di averla lasciata. E nel 2018 potrei lasciare la F1».

Fernando Alonso
Fernando Alonso

MONTREAL – Sarà il 2017 l'anno della verità per Fernando Alonso. Da quando ha lasciato la Ferrari, il campione asturiano è rimasto confinato nella parte bassa delle classifiche con il deludente progetto McLaren-Honda. Ma se la situazione non dovesse migliorare nemmeno nella prossima stagione, è difficile immaginare che Nando trovi gli stimoli per rinnovare il suo contratto in scadenza. «Il prossimo anno sarà molto importante – ha ammesso il due volte iridato alla testata brasiliana Uol Esporte – Non c'è dubbio che sarà molto importante per la McLaren, per il nostro progetto, ma anche per la Formula 1». Avendo vinto i suoi due titoli nell'era V10 e V8, infatti, l'iberico non ha mai nascosto la sua antipatia per l'attuale generazione di monoposto, caratterizzate dalle power unit ibride e dal monogomma Pirelli.

Grandi speranze per le nuove vetture
Inevitabile, dunque, che Alonso riponga molte aspettative nella rivoluzione tecnica in programma per il prossimo anno, che prevede gomme più larghe e un significativo aumento del carico aerodinamico che renderanno le vetture di Formula 1 più rapide dai 5 ai 6 secondi al giro. «Negli anni scorsi il trend della nostra categoria è stato negativo – prosegue – Abbiamo cambiato motori, accordi televisivi... Oggi arrivano più soldi dalle tv ma ci sono meno spettatori. E anche le macchine fanno meno rumore. Perciò l'anno prossimo sarà molto importante per questo sport e io non farò eccezione. Vedremo come saranno le monoposto, quanto saranno attrattive dal punto di vista del pilota e poi prenderò una decisione sul mio futuro». Se nemmeno questa svolta si rivelasse soddisfacente, Fernando è pronto ad una mossa shock: «Al momento mi piace ancora guidare, è la mia vita ed è l'unica cosa che so fare davvero bene. Ma se le macchine non torneranno divertenti il prossimo anno, cambierò categoria. Uno dei miei obiettivi è vincere un giorno la 24 Ore di Le Mans», ha confessato alla tedesca Sport Bild. Magari per dedicarsi alla famiglia: «Un hobby pericoloso... Seriamente, sarebbe bello. Trovare una brava ragazza sarà probabilmente il mio obiettivo più grande quando lascerò la F1».

Ferrari perdonata
Oltre che al suo futuro, però, Fernando Alonso ha gettato uno sguardo anche al suo passato. Ovvero, alla Ferrari, lasciata due anni fa non senza rispettivi rancori e scambi di parole poco simpatiche. Ma oggi il punto di vista dell'ex ferrarista sembra cambiato: «La Ferrari sta facendo tutte le cose giuste, è che la Mercedes è troppo forte – ha ammesso – Il vantaggio che hanno accumulato con i motori ibridi nel 2014 è stato così grande da poterlo amministrare ancora oggi. Ma i cambiamenti del telaio per il 2017 potrebbero rivoluzionare i rapporti di forza e la Ferrari potrà essere di nuovo forte. Rammarici di aver lasciato il team? No, sarebbe stato troppo doloroso finire dietro a Red Bull o Mercedes per il sesto o settimo anno. E volevo mantenere ricordi belli della Ferrari, non dolorosi».